lunedì 24 giugno 2019

Recensione #360 Il bistrò dei libri e dei sogni by Rossella Calabrò





Tu leggi? Io scelgo! #13

Questa volta la rubrica ideata da Chiara e Rosaria mi ha permesso di leggere un libro che avevo nel Kindle da molto tempo. Approfittando dal dover scegliere nel blog di Desirè La biblioteca dei desideri sono riuscita a recuperare il romanzo di Rossella Calabrò.



Autrice: Rossella Calabrò
Titolo: Il bistrò dei libri e dei sogni
Editore: Sperling Kupfer Editori
Pag:: 252
Data di pubblicazione: 6 febbraio 2018
Trama
Nel cuore di Milano c'è un delizioso bistrò, con grandi librerie di legno da cui si affacciano centinaia di volumi e l'aria che profuma di torte. Il posto ideale per rilassarsi sorseggiando del tè o magari, con un calice di vino bianco in mano, chiacchierare, lavorare, e intanto lasciarsi consigliare romanzi, saggi, fumetti da Petra, la proprietaria: quarant'anni da un po' e una disordinata massa di capelli che porta con orgoglio. Ogni giovedì sera, nella luce soffusa del suo Bistrò dei Libri e dei Sogni, Petra ospita un corso di Scrittura Creativa. Con lei, Armando, medico in pensione novantenne, dall'animo frivolo e lo sguardo da bambino, appassionato di tip-tap; Blanche, boccoli in stile Shirley Temple, architetto mancato, di mestiere imbianchina e ideatrice di fiabe; Linda, domestica e babysitter dal sorriso cauto e lo sguardo saggio da divinità inca; e poi lui, Dylan Altieri, l'eccentrico e affascinante insegnante. Alto, dinoccolato, occhi azzurri, viso scarno e capelli folti, appena brizzolati, e l'aria di chi ha sempre occupato posti di comando e che ora ha scoperto la meraviglia di perdersi in un sorso di cioccolata calda, accoccolato in una poltroncina anni Venti di un bistrò. Cinque bizzarri quanto speciali protagonisti, ognuno alla ricerca del proprio sogno tra le pagine di un libro. Perché i libri, si sa, sono degli incredibili, splendidi, stupefacenti contenitori di sogni: i sogni di chi li scrive, e i sogni di chi li legge.



Rossella Calabrò è un'autrice che mi piace molto e di cui ho letto tutto cio che ha scritto (mi manca solo l'ultimo uscito che penso di recuperare al più presto). Amo il suo stile pungente che ho ritrovato con piacere anche in questo romanzo. Mi stupisce sempre come riesca a trattare di argomenti non semplici con delicatezza e ironia. Un'ironia che, però, non offende mai.

La storia è raccontata per la maggior parte da Petra con alcuni intermezzi degli altri soggetti che interagiscono con lei e con il corso di scrittura creativa che ha organizzato nella sua libreria. Un luogo che vorrei esistesse anche da me. Una libreria dove potersi sedere e parlare di libri con altri appassionati.
Mi sono piaciuti tutti i personaggi che animano il romanzo. Li ho trovati caratterizzati molto bene in tutte le loro sfumature. Quello che spicca su tutti, per me, è Armando, il vecchio medico in pensione che riesce finalmente a esternare il suo vero io interiore. Ma anche gli altri meritano di essere nominati: Blanche con i suoi colori e le sue poesie; Linda con le sue bambole “vissute”; Lorenzo figlio di Petra; Dylan che pur non riscuotendo le mie simpatie è un buon soggetto.
Mi ha emozionato leggere di come ognuno di loro riesce a prendere il coraggio e darsi da fare per realizzare i propri sogni.
L'amore per i libri è poi narrato benissimo. Io amo questo tipo di storie in cui si parla di libri e della passione che riescono a ispirare.
Lo stile di Rossella, come ho già detto, ha qualcosa di speciale e riesce sempre a catturarmi ed emozionarmi.



Qui sopra il calendario con le altre blogger che hanno aderito questo mese.


21 commenti:

  1. ho un buonissimo ricordo di questo romanzo. Rossella l'ho conosciuta alla presentazione di un libro della Gazzola e devo dire che è davvero simpatica così come lo sono i suoi libri.
    felice che il bistrò sia piaciuto anche a te!

    RispondiElimina
  2. Ho questo libro in libreria, preso da Libraccio, in stand by, ma tra le prossime letture, anche a me piace mlto lo stile della Calabrò e mi confermi ancora una volta quanto piaccia anche a te

    RispondiElimina
  3. Sono sempre molto scettica quando nei libri si parla di libri. Ma di questo ho letto recensioni positive...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me incuriosiscono sempre ma non tutti riescono a trasmettere l'amore per i libri

      Elimina
  4. Incuriosiva tanto anche a me. Lo prenderò certamente in considerazione 😊😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottimo, io amo molto lo stile della Calabrò

      Elimina
  5. Devo recuperarlo, anche a me questa autrice piace molto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perchè ero convinta che tu lo avessi letto?

      Elimina
  6. Non ho letto nulla di questa autrice ma la trama di questo suo libro m'ispira parecchio

    RispondiElimina
  7. Una recensione che fa venir voglia di prendere questo romanzo subito. Complimenti

    RispondiElimina
  8. Quando uscì avrei voluto tanto leggerlo poi, presa da altre letture, non ci ho più pensato. Rimedio subito e lo metto in wl!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche per me è successa la stessa cosa e ho approfittato di questa rubrica per leggerlo

      Elimina
  9. Ho letto questo libro l'anno scorso. Sono contenta che ti sia piaciuto, per me invece era stata una lettura un po' insipida.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diverso dagli altri della Calabrò però mi è piaciuto molto lo stesso

      Elimina
  10. Non ho mai letto nulla di questa scrittrice, ma questo mi ispira un sacco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io ho letto quasi tutto e mi mancano solo gli ultimi 2

      Elimina
  11. È da tanto che ne sento parlare, lo metto in lista d mi prometto di riuscire a leggerlo

    RispondiElimina