venerdì 2 dicembre 2022

Recensione #883 Julia e il Natale da salvare by Susy Tomasiello

 


Buongiorno qual è il modo migliore per iniziare le recensioni di dicembre se non con una storia che ha tutta la magia del Natale? Il romanzo di cui vi parlo oggi è Julia e il Natale da salvare di Susy Tomasiello che ringrazio per avermi coinvolta nell’evento.


Autrice: Susy Tomasiello

Titolo: Julia e il Natale da salvare

Editore: Self publishing

Pag: 229

Data di pubblicazione: 1 dicembre 2022

Trama

Julia Potter ha dieci anni e c’è un periodo dell’anno che ama profondamente: il Natale a Lairy, la piccola cittadina in cui è nata e cresciuta.
Questo Natale sarà ancora più bello perché la sua maestra Carol dovrà sposarsi con Biff, il vicesceriffo della città. A Julia non sta tanto simpatico Biff, ma adora la sua maestra ed è felice di partecipare al suo matrimonio. Quando però in città compare Chris, il primo amore di Carol, lei comincia a pensare che, forse, le cose potrebbero cambiare.
Vorrebbe concentrarsi su di loro, ma un nuovo imprevisto attraversa Lairy quando Jim, il proprietario della banca, decide di costruire un supermercato proprio nel luogo dove tutti festeggeranno il Natale. Non riuscendo ad accettarlo, coinvolge la sua amica Abby e chiunque voglia stare dalla sua parte per impedire che Jim distrugga quel giorno che lei adora.
È sicura di vincere questa battaglia contro Jim perché lui è la persona che più detesta, ma poi arriva una terribile tormenta di neve e tutte le sue convinzioni crollano. Julia capisce che le apparenze possono ingannare e che, in fondo, niente è come sembra, perché a volte abbiamo bisogno di vedere tutto da un’altra prospettiva per capire davvero qual è la cosa giusta da fare.




Le tradizioni natalizie sono importanti anche per una come me che è molto poco tradizionalista. Tuttavia quando si parla di Natale io divento tutta un’altra persona. Tutto questo per dire che ho amato infinitamente il libro di Susy che è un romanzo per ragazzi ammantato dalla magia delle festa più bella dell'anno.

La storia ha inizio quando Julia, decenne abitante di Lairy, viene a sapere che la pizzeria da Aldo, dove per tradizione tutti gli anni si riuniscono gli abitanti della cittadina, verrà chiusa a causa delle manovre economiche di Jim, banchiere della città. La ragazzina, aiutata dall'amica del cuore Abby e dall'avvocato Chris, si mette in testa di risolvere la situazione.

Ho amato moltissimo questa piccola protagonista che con tutto l'ardore della sua età e animata dal più puro spirito del Natale, si impegna per salvare la tradizione della cittadina. Il suo cuore è pieno di amore, lealtà e il pensiero che le persone a lei care possano essere sole proprio in quella magica serata, la sprona a non fermarsi davanti alle difficoltà. Non si può non amare Julia!

Mi sono piaciuti tanto anche gli altri due alleati della ragazzina: la sua amica del cuore Abby, con i suoi cappelli fantasiosi, l'amicizia sincera che prova nei confronti di Julia; Chris-Hemsworth-Hamilton, l'avvocato e primo amore dell'adorata maestra Carol che torna in città proprio pochi giorni prima delle nozze di quest'ultima. Già perché che Natale è senza una bella storia d'amore contrastata??? È l'unico adulto che prende in simpatia questa bambina e cerca di aiutarla con le sue conoscenze legali.

Lo stile di Susy migliora a ogni nuovo romanzo, sempre curato e scorrevole. Grazie a questo ho letto il libro in un pomeriggio. L'amicizia, l'amore e tutti quei veri e profondi sentimenti che pervadono la storia li vorrei provare anche io ed essere ammantata dall'atmosfera magica e colorata del Natale. 











giovedì 1 dicembre 2022

Tbr dicembre 2022 e Recap novembre 2022

 




    To be read

Dicembre è il mese più bello dell'anno. Io lo adoro e solitamente cerco di immergermi in letture a tema. Quest'anno non ce ne sono molte perché vorrei terminare l'anno senza arretrati!


  1.  Amore a mezzanotte di Ana Ashley

  2.  Brave ragazze, cattivo sangue di Holly Jackson

  3.  Il grande libro dei gialli di Natale di AAVV

  4.  La lunga strada tortuosa si T. J. Klune

  5.  Monte Natale di Garreth Leigh

  6. Tank di K. M. Neuhold & Nora Phoenix



Da recuperare

  • Hexmaker Il creaincantesimi di Jordan L. Hawk

  • L'essenza del delitto di Linda Ladd

  • Zelda di Gea Petrini



Gdl

  • La nona casa di Leigh Bardugo


In ascolto con Audible

  • Una dote di sangue di S. T. Gibson

In lettura

  • Dream walker di Dima Zales






Sono più che soddisfatta delle letture di novembre, sono state tante e tutte abbastanza buone.


Libri letti


  1. True L1f3 di Jay Kristoff

  2. C'era una volta un cuore spezzato di Stephanie Garber

  3. In viaggio verso noi di Kati Wilde

  4. Il siglillo dell'Oltrenuvola di Giulia Gubellini

  5. Scandalous Senza inibizioni di L. J. Shen

  6. Luna blu di Tess Thompson

  7. Oltre l'anima di Norah Martini

  8. Figlia del mare di A. L. Knorr

  9. Teddy di Jason Rekulak

  10. La formula dell'attrazione di Paola Chiozza

  11. Gilded di Marissa Meyer

  12. Supernatural Academy – Anno uno di Jaymin Eve

  13. Ruckus Senza regole di L. J. Shen

  14. Fuori tempo di Monica Lombardi

  15. La donna in nero di Susan Hill





mercoledì 30 novembre 2022

Recensione #882 Fuori tempo by Monica Lombardi

 




Buongiorno, grazie alla rubrica Tu leggi? Io scelgo! sono riuscita finalmente a iniziare Fuori tempo di Monica Lombardi. Ringrazio Chiara per avermelo regalato e Monica per avermelo autografato. La mia scelta è caduta proprio sul blog di Chiara, quindi era inevitabile che io scegliessi questo! La sua recensione QUI.



Autrice: Monica Lombardi

Titolo: Fuori tempo

Editore: Hope Edizioni

Pag: 319

Data di pubblicazione: 17 giugno 2022

Trama

"Si sentiva come un pugile al centro del ring. Tutto quello che voleva fare era colpire, colpire duro, prima che l’avversario facesse lo stesso con lei."

Un urlo, poi un pianto, lungo e disperato: così inizia la storia di Martina.
Prosegue con un viaggio insieme all’uomo che ha sempre creduto di odiare, un viaggio verso il padre che non vede da dieci anni e che non sente più come tale.
Fuori Tempo è la storia di una ragazza che odia il mondo perché lo ama troppo, di un uomo che non sa più come lottare per quello che ama e di un uomo che ha già perso, due volte.
È la storia di due generazioni diverse, per certi versi distanti, che scoprono di parlare ancora la stessa lingua. Fuori Tempo narra di una tempesta che spaventa e confonde, di onde che travolgono, rubano l’ossigeno, per poi trascinarci via e abbandonarci su una spiaggia lontana.
Raccontata con la stessa forza di quelle onde, questa è la storia di una giovane donna arrabbiata e coraggiosa, che scopre, anche grazie all’aiuto di chi meno avrebbe immaginato, che non avere tutte le risposte non significa per forza annegare: significa vivere.




Io leggo i romanzi di Monica Lombardi da tantissimi anni e ho amato tutte le sue storie. Complice il fatto che scriva un genere che a me piace moltissimo, il romantic suspense (con una piccola incursione nello Sci-fi). Con Fuori tempo però Monica ci porta in una storia completamente diversa da quelle a cui ci aveva abituati: la narrativa. Beh, che devo dire? È stata capace di creare una storia emozionante e avvincente!

La protagonista è Martina che alla morte della mamma, per mantenere una promessa fatta alla donna sul punto di morte, va a incontrare suo padre per la prima volta dopo 10 anni. Riccardo le aveva abbandonate per andare a vivere con un uomo, Sergio. Ed è proprio Serge che accompagna Martina nel viaggio da Milano.

La storia è un viaggio sia letterale per quello che fanno Martina e Serge, ma anche un viaggio attraverso i sentimenti in cui la meta finale è il perdono. Ammetto che non so se sarei stata in grado di perdonare mio padre dopo un gesto del genere. Io penso che un genitore debba essere presente nella vita dei figli, anche se vive lontano, anche se ci sono difficoltà nella coppia. Una mancanza per me imperdonabile e non so se sarei stata brava come Martina.

Monica è stata molto brava a eviscerare i sentimenti contrastanti di questa ragazza, il dolore che prova per la recente perdita, la rabbia che prova verso Riccardo.

Fondamentale per l'evoluzione di Martina è Serge che è un uomo equilibrato, paziente, ma che al tempo stesso la sfida a mostrare i suoi sentimenti, ad accettarli. Momenti indispensabili per perdonare se stessi e gli altri.

Ho trovato tutti e tre i protagonisti davvero eccezionali. Il mio preferito è stato senza dubbio Serge, che con la sua calma e saggezza riesce a riportare tutto nella giusta direzione per Martina e per Riccardo.

Anche in questa occasione ho apprezzato la prosa di Monica che è riuscita a coinvolgermi con una storia completamente diversa da quelle che faccio di solito.

Sono proprio felice di aver scelto questa lettura dal blog di Chiara.











martedì 29 novembre 2022

Recensione #881 La donna in nero by Susan Hill

 




Buona giornata, lettori. Sul blog è tempo di Questa volta leggo e la parola scelta per novembre è DONNA.


Autrice: Susan Hill

Titolo: La donna in nero

Editore: Mondadori Oscar Fantastica

Pag: 288

Data di pubblicazione: 18 ottobre 2022

Trama

Arthur Kipps, giovane avvocato londinese, viene incaricato di gestire l'eredità e presenziare al funerale della signora Alice Drablow, l'unica abitante di Eel Marsh House. L'antica dimora si erge in fondo a un sentiero percorribile solo con la bassa marea, immersa nella nebbia e nel mistero; ma ciò non basta a spaventare Arthur. È solo quando al funerale scorge una giovane donna vestita di nero che un sottile senso di inquietudine inizia a pervaderlo. Una sensazione che diventa via via più pressante quando, a Eel Marsh House, Arthur rivede l'apparizione, mentre gli abitanti del luogo si mostrano sempre più reticenti a parlare di quella figura misteriosa, e dei suoi veri scopi. Nonostante questi oscuri presentimenti, Arthur decide di portare a termine il suo incarico e, per mettere ordine tra i documenti di Alice, trascorre la notte nella casa. Una decisione di cui presto si pentirà.






Avevo vari libri con donne in copertina che sarebbero stati perfetti per la parola del mese, ma alla fine ho deciso di buttarmi su un romanzo gotico visto che non ne leggevo da tempo. È un genere che leggo sempre con piacere, se scritto come dico io.

Un avvocato inglese, Arthur Kipps viene incaricato di sistemare le varie pratiche dell'eredità di Alice Drablow. Si reca così a Eel Marsh House, ma le cose si fanno subito strane...

La donna in nero di Susan Hill mi ha ricordato moltissimo le atmosfere di Lovecraft, di Poe. Quelle ambientazioni cupe, grigie e ammantate da una fitta e inquietante nebbia. Il romanzo è un tipico horror classico senza sangue, ma incentrato proprio sull'atmosfera spettrale concretizzata da parole usate alla perfezione. Descrizioni così evocative da darmi i brividi.

Non conoscevo questa autrice che, almeno per questo libro l’ho preferita alla più famosa Shirley Jackson. La Hill è riuscita veramente a creare quel tipo di suspense, quel tipo di pathos che io cerco in un romanzo gotico-vittoriano.

La storia raccontata è breve, sono poco più di 200 pagine, eppure scegliendo i giusti termini ha creato un ritmo di narrazione che mi ha aiutata a immedesimarmi immediatamente con il protagonista Arthur.

Sicuramente è un’autrice che voglio approfondire in futuro.




 






giovedì 24 novembre 2022

Recensione #880 Supernatural Academy — Anno Uno by Jaymin Eve

 


Buongiorno, oggi ritorno a parlarvi di uno dei generi che ho sempre apprezzato moltissimo: il paranormal romance.

Ringrazio la Queen Edizioni per la copia digitale del libro.


Autrice: Jaymin Eve

Titolo: Supernatural Academy – Anno uno

Serie: Supernatural Academy #1

Editore: Queen Edizioni

Pag: 403

Data di pubblicazione: 18 novembre 2022

Trama

Maddison James sta per scoprire la verità sul mondo che la circonda. Prima di tutto… gli esseri soprannaturali esistono. Secondo… lei è una di loro, anche se nessuno riesce a capire cosa sia. Terzo… sta per cominciare la scuola. E le cose stanno per farsi molto interessanti. La Supernatural Academy è la scuola in cui i mutaforma, i vampiri e le creature magiche imparano a usare le loro abilità e a rapportarsi con gli umani. Maddison sa già come vivere nel mondo umano, ma la parte soprannaturale… quella è una cosa del tutto nuova. E pericolosa. Esempio numero uno: le ragazze popolari possono veramente trasformarti in una rana. Esempio numero due: Asher Lock, il dio dell’Accademia. Beh, non letteralmente… anche se lui si comporta come se lo fosse, proprio come fanno tutti gli studenti che lo venerano. Asher fa impazzire Maddison, perché, a quanto pare, i ragazzi arroganti, presuntuosi e bellissimi sono proprio il suo tipo. E, malgrado il disprezzo reciproco, tra di loro volano scintille. Più si ritrovano a stare insieme, più Asher tenta di capire per quale motivo la magia di Maddison è bloccata. Finché la verità viene svelata… e loro scoprono che, nel mondo soprannaturale, niente è come pensavano. 




Indovinate cosa mi ha attirato subito di questo libro? Esatto, la tipa in copertina con i capelli ROSA. Però anche la trama rientrava nei miei gusti visto che c'è i fattore accademia, sottogenere che ho scoperto da poco.

Maddison ha ventidue anni, è orfana e sta scappando dall’FBI che la cerca per avere maggiori dettagli sulla morte della madre. Mentre in un anonimo bagno compie il suo annuale gesto di cambiare colore di capelli, arriva Ilia, una bellissima ragazza che le svela di appartenere a un mondo che finora per lei era del tutto impossibile.

La storia è stata veramente molto interessante e originale. L'autrice illustra il world building attraverso le spiegazioni sui vari tipi di creature magiche e fantastiche che vengono elargite a Maddison dai suoi nuovi amici e dagli insegnanti della Supernatural Academy. Io amo particolarmente questa tecnica perché mi da il tempo di assimilare piano piano tutte le nozioni.

Maddison è un soggetto veramente niente male. Cresciuta nel mondo degli umani affrontando giornate per nulla idilliache visti i problemi di droga e sesso della madre ha sviluppato un carattere che non si piega di fronte alle angherie che subisce in accademia. Naturalmente non tutti la accolgono a braccia aperte e si vede spesso a contrastare i dispetti delle Clover, le regine della scuola.

Anche se inizialmente vengono descritti come antagonisti di Maddison il gruppo degli Atlantidei si rivela più aperto ad accogliere e aiutare la ragazza a capire cosa è. Difatti una delle cose che mi intrigava di più del romanzo era cercare di capire a quale specie appartenesse la ragazza. In questo gruppo di ragazzi spicca il loro leader Asher che in principio cerca di allontanare Maddison. L'ho trovato un buon personaggio anche se avrei voluto qualche suo pov e non solo quelli di Maddison.

Il loro rapporto sentimentale, dopo l’attrazione iniziale, viene approfondito e il dare profondità alla relazione è una delle cose che a me piacciono moltissimo.

Mi sono piaciuti molto anche gli altri personaggi che vengono in contatto con la protagonista: Larissa la figlia del rettore Jones e Ilia che diventa poi amica di Maddison. Anche gli altri Atlantidei si prospettano dei soggetti dai quali mi aspetto veramente tantissime cose.

Non conoscevo questa autrice di cui ho apprezzato moltissimo lo stile narrativo che è stato scorrevolissimo, soprattutto per me che ultimamente mi ritrovo a leggere i romanzi all’ultimo momento. Fortunatamente la trama coinvolgente è riuscita a farmi entrare nel vivo della storia per cui non ho faticato minimamente a terminare il libro.

Spero che la Queen Edizioni non ci faccia aspettare troppo per avere tra le mani il secondo capitolo di questa serie.



 




martedì 22 novembre 2022

Recensione #879 Gilded by Marissa Meyer

 


Buongiorno la prima recensione di questa settimana è dedicata a un retelling a opera di un’autrice che ho apprezzato moltissimo in una sua precedente serie: Marissa Mayer.

Ringrazio la Mondadori per la copia digitale del romanzo.



Autrice: Marissa Meyer

Titolo: Gilded

Serie: Gilded #1

Editore: Mondadori

Pag: 549

Data di pubblicazione: 15 novembre 2022

Trama

C'era una volta la figlia di un mugnaio...

Colpita dalla maledizione di Wyrdith, dio delle storie e della menzogna, Serilda ha sviluppato un incredibile talento per il racconto: quelle con cui incanta i bambini del villaggio sono vicende intriganti, bizzarre, e soprattutto non contengono un briciolo di verità. O almeno così credono tutti.

Ma una delle sue storie attira l'attenzione del mostruoso Erlking con i suoi cacciatori non-morti. E così Serilda si ritrova prigioniera in un luogo sinistro, dove si aggirano ghoul, fantasmi e ripugnanti corvi senza occhi. Chiusa nelle segrete del castello, la ragazza è costretta a dimostrare di saper trasformare la paglia in oro - come ha affermato - o sarà uccisa per aver mentito. Disperata, Serilda ha una sola possibilità: accettare l'aiuto di un ragazzo che le è misteriosamente comparso davanti. E che vuole qualcosa in cambio.

Presto Serilda si accorge che le vetuste mura del castello celano molti segreti, compreso un antico maleficio. Dovrà trovare il modo di spezzarlo se vuole riuscire a fermare il dispotico potere del re e la sua feroce Caccia una volta per tutte.







Io ho letteralmente adorato la serie sci-fi delle Cronache Lunari e la notizia che sarebbe stato pubblicato, in italiano, un nuovo libro di Marissa Meyer mi ha reso oltremodo felice.

La storia all’interno di Gilded è di un genere diverso ma che io amo particolarmente. Infatti è il retelling della favola di Tremotino (Rumpelstilzchen). Ammetto di conoscere poco questa favola visto che non era tra quelle che leggevo di più quando ero ragazzina.

La protagonista è Serilda, figlia di un mugnaio, che una notte per salvare due creature del bosco inventa di possedere la capacità di trasformare la paglia in oro. L'Erlking a cui è stata raccontata la bugia, la chiama, in occasione della prima luna piena, rinchiudendola in una cella perché lei possa compiere la sua magia. In suo aiuto appare (letteralmente) il misterioso Gild.

La cosa che ho amato tantissimo di questo libro è l’aura da favola dark che perdura per tutto il tempo. Un’atmosfera cupa, cruda, con alcune scene veramente sanguinose veramente ben descritte. Inoltre le storie che inventa Serilda sono davvero molto belle nella loro crudeltà. Lei come personaggio mi è piaciuto moltissimo perché con coraggio e determinazione cerca in tutti i modi di salvare le persone a cui tiene.

Non c’è un vero co-protagonista in questa storia ma Gild, il Poltergeist che aiuta la ragazza, potrebbe ricoprire questo ruolo. La sua figura resta, giustamente, un po' nell’ombra.

Diciamo che l'antagonista della situazione l'Erlking o Re degli Elfi non è stato un cattivo degno di nota non mi ha affascinato, non mi ha spaventata, non ha mai rappresentato una vera minaccia. Anzi in alcune occasioni mi è sembrato alquanto sciocco perché si fa ingannare da questa ragazzina e dalla sua fantasia sfrenata.

Lo stile della Meyer è sempre molto scorrevole e di questo non avevo dubbi. Purtroppo il romanzo inizia molto lentamente e si trascina per troppe pagine prima di entrare nel vivo della storia. 550 pagine che , seppur scritte benissimo, potevano essere ridotte tralasciando scene non vitali per il complesso della trama.

Naturalmente aspetto con ansia la traduzione di Cursed, il secondo e ultimo capitolo della dilogia, per conoscere il destino di Serilda, Gild e l'Erlking.













sabato 19 novembre 2022

Intervista con le vamp... blogger #70

 



Per novembre le vampblogger hanno letto un romance tutto italiano a opera di Paola Chiozza. A me è piaciuto molto ed è arrivato proprio nel momento giusto. Erica, Chiara e Chicca la penseranno come me? Per conoscere le opinioni delle mie amiche blogger cliccate sui loro nomi.


Autrice: Paola Chiozza

Titolo: La formula dell'attrazione

Editore: Self publication

Pag: 390

Data di pubblicazione: 21 marzo 2022

Trama

Venere in acquario? Luna nella terza casa? Rebecca Pennington non crede nelle stelle, ma ci lavora. È ingegnere aerospaziale, risolve il Cubo di Rubik in sette secondi e nella vita ha una sola certezza matematica: odierà in eterno Chase Reeve Goldsmith.
Poco importa che lui sia l'uomo più sexy, ricco e intelligente che abbia mai conosciuto, sarà sempre il suo peggior nemico.
E non solo: Rebecca si prenderà la sua rivincita, perché l’azienda in cui lavora sta per ottenere un contratto storico con la NASA, battendo il progetto di Chase.
Tutto bellissimo. Peccato che l’accordo vada in fumo all’ultimo minuto.
Per Chase Reeve Goldsmith il cielo non è un limite, ma il punto da cui guardare la Terra. A soli trentaquattro anni è arrivato in alto, in tutti i modi possibili.
È il CEO dell’agenzia aerospaziale che si è appena aggiudicata il contratto con la NASA, è miliardario, è un genio irresistibile e – Dio, questo è meraviglioso – ha appena soffiato la vittoria da sotto il naso della sua peggior nemica: Rebecca Pennington.
Sarà lui a spedire un razzo su Marte, non la ragazza che al liceo gli ha portato via tutto.
Chase è convinto che sia finita così, ma non ha fatto i conti con Rebecca che, con un piano ben architettato, decide di farsi assumere dalla sua agenzia per riprendersi ciò che lui le ha rubato.
Lavorare insieme non sarà facile… sarà un massacro!
Chase è abituato a dare ordini e avere persone che li eseguono senza fiatare, peccato che Rebecca non si faccia comandare da nessuno.
Lei ha intenzione di essere la sua spina nel fianco, lui di renderle la vita un inferno.

Quando l’attrazione non è più solo una formula fisica, ma passione incontrollata… sarà amore o sarà una guerra stellare?


L'intervista

A quale genere appartiene il libro?

La formula dell'attrazione è un romance con componente Hate to Love. Si può anche considerare un second chance.


Cosa pensi dei protagonisti?

Becky e Chase sono magnifici! Ho adorato i loro battibecchi a colpi di formule di fisica, astrofisica ecc. Entrambi hanno dei caratteri affini e proprio per questo sono scintille ogni volta che si incontrano.


Personaggio preferito?

Blythe, la segretaria di Chase. Voglio i suoi muffin!!!


Personaggio più odiato?

Facilissimo: il padre di Chase che non riesce a vedere i sogni del figlio e che vuole che sia una copia di sè. 


Che emozioni ti ha suscitato la lettura?

Il libro è arrivato al momento giusto, durante una settimana particolarmente difficile e mi ha fatto dimenticare i problemi quotidiani.


Punti di forza?

Le interazioni tra i personaggi che mi hanno fatto ridere più volte.


Punti deboli?

Non è un vero e proprio punto debole ma non ho capito il personaggio di Callie, sorella di Becky. Viene nominata spesso ma non appare mai fisicamente. Sarà la protagonista di qualche romanzo spin-off?


Come hai trovato lo stile dell'autrice?

La Chiozza ha una penna che mi piace moltissimo. Scorrevole e ben curato il suo stile mi regala sempre mille emozioni.


È facile entrare in empatia con il protagonista?

Naturalmente sì visto che ci sono i Pov in prima persona dei due protagonisti.


Quale aggettivo descrive meglio il libro?

Romantico.


A chi lo consigli?

A tutti quelli che amano i romance e hanno bisogno di una lettura scaccia-pensieri.


Quante stelline gli dai?

Quattro stelle e mezzo


Cosa ne pensi della cover?

Per me è perfetta per il libro, anche se è gialla...


Citazione preferita?

Inseguiamo le stelle perché questo mondo non ci basta.


Qui sotto il nuovo modulo per scegliere la nostra prossima lettura. Ricordate che, alternativamente, pubblicheremo anche i sondaggi nelle nostre storie di IG.




Scatenatevi con le votazioni!