lunedì 2 luglio 2018

Blog tour L'incantesimo della spada di Amy Harmon



Buongiorno lettori nell'ambito del Blog Tour indetto per l'uscita di un nuovo romanzo di questa autrice che apprezzo infinitamente, io voglio farvi conoscere i suoi libri. Quelli finora pubblicati in Italia.


I cento colori del blu
Trama
Tutti a scuola conoscono Blue Echohawk. Abbandonata da sua madre quando aveva solo due anni, Blue non sa se quello sia il suo vero nome né quando sia davvero il suo compleanno. Ma ha imparato a fuggire il dolore con atteggiamenti da ribelle: indossa sempre vestiti attillatissimi e un trucco pesante. E soprattutto il sesso è il suo rifugio, un gioco per dimenticare tutto, per mettere sotto chiave le sue emozioni. A scuola poi è un caso disperato. Eppure il suo nuovo insegnante di storia, il giovane Darcy Wilson, non la pensa così: Darcy crede in lei, e sa che Blue ha bisogno di capire chi sia prima di trovare un posto nel mondo. E così la sprona a guardarsi dentro e a ripercorrere il passato, a scrivere la sua storia, a dar voce alle sue emozioni. Tra i due nasce una grande amicizia, e forse, a poco a poco, qualcosa di più: un sentimento forte, travolgente, a cui ciascuno dei due tenta in tutti i modi di resistere…
Il mio pensiero
La storia tra i due protagonisti è molto bella e cresce piano piano, trasformandosi in qualcosa di veramente vero e profondo. Il romanzo è scritto con uno stile accattivante. L'autrice ha forse voluto inserire troppe tematiche drammatiche e i due protagonisti, nonostante siano molto ben caratterizzati, non sono riusciti a convincermi fino in fondo ma ho trovato comunque la storia molto bella ed emoziante.


Sei il mio sole anche di notte
Trama
Ambrose Young è bellissimo, alto, muscoloso, con lunghi capelli che gli arrivano alle spalle e uno sguardo che brucia di desiderio. Ma è davvero troppo per una come Fern Taylor. Lui è perfetto, il classico protagonista di quei romanzi d’amore che Fern ha sempre adorato leggere. E lei sa bene di non poter essere all’altezza di un ragazzo del genere… Ma la vita a volte prende pieghe inattese. Partito per la guerra dalla piccola cittadina di provincia in cui i due giovani sono cresciuti, Ambrose tornerà trasformato dalla sua esperienza in prima linea: è sfigurato nei lineamenti e profondamente ferito nell’anima. Fern riuscirà ad amarlo anche se non è più bello come prima? Sarà in grado di conquistarlo? Saprà curarlo e ridargli la fiducia in sé?
Il mio pensiero
Romanzo intenso e profondo che racconta una storia che non può fare a meno di entrarti dentro e conquistare per sempre un pezzetto del tuo cuore.
Meravigliosamente emozionante e toccante. Non è stato semplice leggerlo anche se l'autrice riesce a descrivere le varie situazioni con uno stile fresco e coinvolgente. E, cosa rarissima per me, mi ha fatto piangere e urlare NOOOOOO chiudendo un attimo il kindle. Persino il tema della fede è affrontato in maniera delicata e non pesante.
Sicuramente un piccolo capolavoro che merita di essere letto.


Infinito + 1
Trama
Bonnie Rae Shelby è una superstar. È ricca, bellissima e famosa. E desidera morire. Finn Clyde è un signor nessuno. È brillante e cinico. Ma è completamente a pezzi. E tutto ciò che vuole è la possibilità di vivere ancora. Finn ha un passato con cui confrontarsi, Bonnie un futuro che non vuole affrontare. Un ragazzo, una ragazza, una strana serie di circostanze impreviste e una scelta: voltarsi dall’altra parte e ignorare ogni cosa o tendere la mano e rischiare tutto. Così, mentre il ticchettio di un orologio scandisce il tempo della scelta, inizia la loro avventura, un viaggio che cambierà per sempre le loro vite.
Il mio pensiero
Infinito +1 racconta del viaggio, in giro per le strade americane, di due persone molto diverse tra loro che si evolvono e crescono, imparando uno dall’altra.
Due estranei che abbiamo modo di imparare a conoscere attraverso i loro pensieri. Scritto in POV alternati da Bonnie & Clyde, piano piano ci vengono rivelate parti del loro passato che contribuiranno a mettere insieme tutti i pezzi del puzzle. Ho apprezzato anche capire, proprio per mezzo di questi punti di vista, come si sono evoluti e modificati i sentimenti dei due ragazzi mentre approfondivano la loro conoscenza.
Mi sono piaciute, inoltre, le notizie stampa all’inizio dei capitoli, che raccontano mezze verità e che seguono i nostri Bonnie e Clyde in viaggio tutto il paese.
Ho riso, ho pianto, e mi sono innamorata di nuovo dello stile narrativo di Amy!



Hai cambiato la mia vita (The Law of Moses #1)
Trama
Lo trovarono nel cesto della biancheria di una lavanderia a gettoni: aveva solo un paio di ore di vita. Lo chiamarono Moses. Quando dettero la notizia al telegiornale dissero che era il figlio di una tossicodipendente e che avrebbe avuto problemi di salute. Ho sempre immaginato quel “figlio del crack” con una gigantesca crepa che gli correva lungo il corpicino, come se si fosse rotto mentre nasceva. Sapevo che il crack si riferiva a ben altro, ma quell’immagine si cristallizzò nella mia mente. Forse fu questo ad attrarmi fin dall’inizio. È successo tutto prima che io nascessi, e quando incontrai Moses e mia madre mi raccontò la sua storia, era diventata una notizia vecchia e nessuno voleva avere a che fare con lui. La gente ama i bambini, anche i bambini malati. Anche i figli del crack. Ma i bambini poi crescono e diventano ragazzini e poi adolescenti. Nessuno vuole intorno a sé un adolescente incasinato. E Moses era molto incasinato. Ma era anche affascinante, e molto, molto bello. Stare con lui avrebbe cambiato la mia vita in un modo che non potevo immaginare. Forse sarei dovuta rimanere a distanza di sicurezza. Ma non ci sono riuscita. Così è cominciata una storia fatta di dolore e belle promesse, angoscia e guarigione, vita e morte. La nostra storia, una vera storia d’amore.
Il mio pensiero
Una storia sul passato e il futuro, sui nuovi inizi e sulle cose che durano in eterno. Una storia di persone fragili, persone provate, persone folli e persone spezzate, e soprattutto, una storia d’amore.
Ho adorato Moses e Georgia, descritti in maniera superlativa dalla Harmon. Sono personaggi talmente vividi e reali che sicuramente rimarranno con me a lungo. Moses in particolar modo, ma anche Georgia mi è piaciuta moltissimo: una ragazza decisa che sa quello che vuole e fa di tutto per realizzare i suoi sogni.



Il segreto di Eva
Trama
1943. La Germania occupa gran parte dell’Italia e le deportazioni degli ebrei aumentano di giorno in giorno. Fin da bambini Eva Rosselli e Angelo Bianco sono cresciuti come una famiglia, divisi solo dalla religione. Con il passare degli anni si sono innamorati, ma per Angelo è arrivata la vocazione e, nonostante i suoi profondi sentimenti per Eva, ha preso i voti. Adesso, più di dieci anni dopo, Angelo è un prete cattolico ed Eva è una donna ebrea che rischia la deportazione. Con la minaccia della Gestapo in avvicinamento, Angelo nasconde Eva tra le mura di un convento, dove Eva scopre di essere solo una dei tanti ebrei protetti dalla Chiesa. Ma la ragazza non riesce proprio a stare nascosta, in attesa della liberazione, mentre Angelo rischia la vita per salvarla. Con il mondo in guerra e le persone ridotte allo stremo, Angelo ed Eva affrontano sfida dopo sfida, scelta dopo scelta, fino a che il destino e la fortuna non decideranno di incontrarsi, lasciandoli stremati davanti alla decisione più difficile di tutte.
Il mio pensiero
Questa volta, abbandonando il solito contemporary, si è cimentata con un genere totalmente diverso: un romance ambientato in un'Italia dilaniata a causa della Seconda Guerra Mondiale.
Mi sono piaciuti entrambi anche se Eva, a volte, l'avrei presa a schiaffi, visti alcuni suoi atteggiamenti. Angelo è sicuramente il personaggio meglio riuscito e ho compreso benissimo i suoi dubbi per la strada che aveva scelto.
Anche la loro storia d'amore è stata sicuramente approfondita benissimo, nonostante la tematica non semplice date le due credenze diverse.
Ho trovato, inoltre, ben analizzata tutta la ricostruzione storica in cui si muovono i due protagonisti e penso che l'autrice sia riuscita a rendere perfettamente non solo tutti i sentimenti provati da Eva e Angelo, ma anche la sofferenza di un popolo tormentato solo per avere una visione diversa della religione.
Mi hanno emozionato moltissimo le parti dove la Harmon parla delle sofferenze e degli abusi perpretati nei confronti degli ebrei, costringendomi spesso a dilatare la lettura.



Come avete notato è una scrittrice veramente poliedrica che finora è riuscita a conquistarmi con tutto ciò che ho letto di suo.
Ora è arrivato il momento di farvi conoscere i dati del libro e le prime righe di questa storia che sicuramente mi regalerà altre mille emozioni.


Titolo: L'incantesimo della spda
Autrice: Amy Harmon
Serie: The Bird and the Sword Chronicles
Casa editrice: Newton Compton Editori
Pagine: 384
Data di pubblicazione: 5 luglio 2018
Trama
In un regno in cui gli incantesimi sono banditi, l’unica magia rimasta è l’amore
«Deglutisci, figlia. Ingoia le parole, bloccale nel profondo della tua anima. Nascondile, chiudi la bocca sul tuo potere. Non maledire, non curare. Non parlerai, ma imparerai. Silenzio, figlia. Rimani viva».
Il giorno in cui mia madre è stata uccisa, ha detto a mio padre che non avrei mai più pronunciato una sola parola e che se fossi morta, lui sarebbe morto con me. Predisse anche che il re avrebbe venduto la sua anima e avrebbe ceduto suo figlio al cielo. Da allora mio padre attende di poter avanzare la sua pretesa al trono e aspetta nell’ombra che tutte le parole di mia madre si avverino. Desidera disperatamente diventare re. Io voglio solo essere finalmente libera. Ma la mia libertà richiede una fuga e io sono prigioniera della maledizione di mia madre tanto quanto dell’avidità di mio padre. Non posso parlare o emettere suoni. Non posso impugnare una spada o ingannare un re. In un regno in cui gli incantesimi sono stati banditi, l’unica magia rimasta potrebbe essere l’amore. Ma chi potrebbe mai amare… Un uccellino?




La parola è lesta e potente
più affilata di qualsiasi lama a doppio taglio,
impavida trafigge l’effimero confine
che divide anima e spirito,
giunture e midollo.
La parola screma i pensieri
e le intenzioni del cuore.

Prologo

Era così piccola. Solo gli occhi erano grandi e le riempivano il viso: grigi e solenni come nebbia sulla brughiera. Aveva cinque estati, ma pareva una bambina di tre estati ed era esile, così esile da destare la mia preoccupazione. Non era cagionevole, però. In verità, non si era mai ammalata. Nemmeno una volta. Era solo delicata, quasi fragile, come un uccellino. Con le ossa e i lineamenti minuti, il mento a punta, le orecchie da elfo. I capelli, di colore castano chiaro, erano folti e setosi: come piume mi accarezzavano il viso quando la stringevo al mio petto, e in quei momenti mi sembrava davvero un uccellino.
Era la mia piccola allodola, la mia piccola “Lark”. Non appena i miei occhi si erano posati su di lei, mi era balenato in mente quel nome e io, senza esitare, l’avevo accolto perché proveniva dal Padre di tutte le parole, e perciò mi fidavo del significato che racchiudeva.
«Cosa stai facendo, Lark?», le chiesi con asprezza. E aspra volevo essere, ma mia figlia non pareva per niente spaventata, nonostante l’avessi sorpresa in una stanza a lei vietata. Temevo che potesse pungersi le dita sul fuso impietoso del filatoio o rischiasse di cadere dalle alte finestre spalancate sul cortile. Quella era la mia camera speciale e adoravo passare del tempo là dentro, soprattutto quando la piccola era con me. Ma ora mi aveva disobbedito, perché vi era entrata da sola.
«Sto facendo dei pupazzetti», mi rispose con voce roca: un contrasto bizzarro con l’esile corporatura. La piccola lingua rosa fece capolino tra le labbra arricciate in una smorfia, segno di grande concentrazione. Avvolse un pezzo di spago attorno al lembo di stoffa imbottita che stringeva in mano e creò così una testa, sebbene malfatta. Aveva già fatto gambe e braccia. E per terra, accanto a lei, c’erano altre tre bamboline di stoffa, ormai complete.
«Lark, lo sai che non puoi entrare qui dentro da sola. Non è un posto sicuro per una bambina. E non puoi usare le parole, se non ci sono io con te», la rimproverai.
«Ma sei stata via per così tanto tempo», protestò alzando gli occhi crucciati verso di me.
«Non guardarmi in quel modo. Non esistono scuse per la disobbedienza».
Chinò il capo e abbassò le spalle.
«Mi dispiace, Madre».
«Promettimi che te ne ricorderai e obbedirai».
«Prometto che me ne ricorderò… e obbedirò».
Attesi mentre la promessa si adagiava su di noi e s’imprimeva nell’aria, cosicché mia figlia fosse legata dalle sue parole.
«Ora… raccontami delle tue bamboline».
«A questa piace danzare». Indicò una bambola bitorzoluta alla sua sinistra. «Lei invece adora arrampicarsi…».
«Come una piccola allodola che conosco io», la interruppi con dolcezza.
«Sì. Come me. E quest’altra ama saltare». Sollevò la bambola più piccola.
«E questo?», le domandai indicando il pupazzetto che aveva appena finito.
«Lui è un principe».
«Davvero?»
«Sì. Il Principe delle bamboline. E può volare».
«Senza ali?»
«Sì. Non c’è bisogno di ali per volare», cinguettò ripetendo una frase che le avevo detto io.
«E di cosa c’è bisogno, Figliola?», la interrogai.
«Di parole», replicò, e i suoi grandi occhi grigi brillarono, consapevoli.
«Fammi vedere», sussurrai.
Prese la bambolina più vicina, se la portò alle labbra e le posò un bacio sul petto, dove si trovava il cuore di pezza.
«Danza», le sussurrò Lark credendo che potesse davvero farlo. La rimise per terra e attendemmo. La bambolina di pezza cominciò a vorticare su se stessa, sollevando le braccia e le gambe malformate: piroettava e volteggiava per la stanza. Sorrisi dolcemente. La mia piccola Lark ne prese un’altra.
«Salta», le ordinò spingendo la parola nel petto della bambolina. Con un balzo, il pupazzetto si allontanò dalla sua mano e iniziò a saltellare, senza far rumore, alle spalle della bambola danzante.
Mia figlia ripeté il gesto e donò una parola a ciascuno dei pupazzetti rimanenti. Osservammo rapite una bambolina che si arrampicava con mani e piedi sulle tende della finestra, e infine il Principe delle bamboline si librò in volo, con le braccia allargate come bozzi d’ali: sfrecciava per la stanza, tuffandosi in aria come un uccellino felice.
Lark batté le mani minuscole e danzò e saltò con i suoi nuovi amici, e io volteggiai con lei. Eravamo così liete, completamente immerse in quell’esperienza esaltante che non udii i passi rimbombare in corridoio, fuori dalla porta, finché non fu quasi troppo tardi. Ero stata così sciocca, e tanto incauta. Non era da me.
«Lark, riprenditi le parole!», urlai correndo verso la porta per chiuderla a chiave.
Lark agguantò la bambolina danzante e si riprese ogni parola, come le avevo insegnato io: le soffiò nei loro petti ma pronunciandole al contrario.
«Aznad», mormorò risucchiando la parola dentro di sé. La bambolina che saltellava stava sgambettando ai suoi piedi, mia figlia la raccolse e sussurrò: «Atlas».
Qualcuno bussò con forza alla porta: era il mio servitore, Boojohni, che mi chiamò a gran voce, con urgenza.
«Lady Meshara! È arrivato il re. Lord Corvyn dice che dovete presentarvi subito di sotto».
Afferrai la bambola di pezza che si stava arrampicando sul muro di pietra accanto alla porta massiccia. La lanciai a Lark, che si riprese subito la parola, così come aveva fatto con le altre bamboline.
«Dov’è il principe volante?», sibilai guardandomi intorno con occhi spiritati. Scrutai verso l’alto, esaminando le travi e le crepe scure. Poi, con la coda dell’occhio, lo trovai: era volato via dalla finestra aperta e ora svolazzava fuori come un fazzoletto al vento. Ma non soffiava alcuna brezza.




Allora non siete curiosi? Io tantissimo e non vedo l'ora di tuffarmi in questa nuova avventura.
Vi lascio il calendario con le altre tappe del blog tour






e del review tour








24 commenti:

  1. Ho letto tutti i libri della Harmon e adoro le sue storie ed il suo stile. Sei il mio sole anche di notte l' ho letto due volte e durante la seconda ho sofferto ancor di più nonostante conoscessi già la storia. Ed ho già letto l' ultimo e posso dire che è molto avvincente e ha dei protagonisti che ho apprezzato tantissimo, un cambio di genere riuscito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Finora quello è il mio preferito, ma se riuscirà a conquistarmi con un fantasy sarà eletta a mia preferita!

      Elimina
  2. Io ho letto solo I cento colori del blu, sono curiosa di leggere questo nuovo romanzo.

    RispondiElimina
  3. Non ho ancora letto nulla della Harmon: L'incantesimo della spada sarà il mio primo incontro con l'autrice. Il prologo mi è piaciuto molto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me bravissima e ha una fantasia infinita.

      Elimina
  4. Già il prologo promette bene. La Harmon è sempre una garanzia

    RispondiElimina
  5. mi mancano solo gli ultimi due. tutti gli altri letti e adorati e sicuramente amerò anche i mancanti

    RispondiElimina
  6. Non ho mai letto niente di suo ma sul kindle ho I cento colori del blu!

    RispondiElimina
  7. Ho letto I cento colori del blu e Sei il mio sole anche di notte, stupendi, poi non so spiegarmi il perché ho mollato il colpo pur avendoli comprati tutti...ma di certo non potevo non buttarmi su questo fantasy, genere che adoro, e lo stile di Amy mi ha incantata ancora una volta: Divina <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fantasy non è il mio genere preferito però voglio vedere se la Harmon riesce a conquistarmi anche questa volta

      Elimina
  8. Ciao, sono lacantastoriedeiboschi.blogspot.it
    Il tuo blog è molto carino, mi piacerebbe se ci seguissimo a vicenda per scambiarci consigli libreschi😘

    RispondiElimina
  9. Grazie, ricambio con piacere!

    RispondiElimina
  10. Devo assolutamente leggere Sei il mio sole anche di notte!!

    RispondiElimina
  11. Adoro la Harmon e tutti i libri che hai citato sono bellissimi ma se per me due restano i migliori Hai cambiato la mia vita e Sei il mio sole anche di notte <3
    Questo fantasy si sta rilevando una stupenda sorpresa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei il mio sole è il mio preferito, per ora

      Elimina
  12. Che autrice poliedrica. La adoro. Mara Blog romance e altri rimedi

    RispondiElimina