venerdì 20 luglio 2018

Recensione #226 Dentro il tuo respiro by Annamaria Bosco


Titolo: Dentro il tuo respiro
Autrice: Annamaria Bosco
Serie: Breathless Series #1
Casa editrice: Les Flaneurs
Pagine: 293
Data di pubblicazione: 28 giugno 2018
Trama
In una fredda domenica di febbraio, nel bel mezzo del Carnevale, le strade di Luca e Isa si incrociano.
Lui, un fisico piegato dalle conseguenze di una bravata finita male e un senso di colpa enorme da gestire, per un ragazzo di ventun anni. Lei, razionale, diligente e all'apparenza infrangibile.
Complice l’annuale festa in maschera, Luca indossa il suo travestimento e trova il coraggio di avvicinarsi alla ragazza che ama da troppo tempo.
Una presenza fatta di paure inespresse e risposte non date, che si fa strada nella vita di Isa e la sconvolge senza chiedere il permesso.
Due anime distanti celate da differenti paure. Due maschere invisibili pronte a calare.
Ma non tutti sono disposti a mettersi a nudo, soprattutto quando c'è in ballo un passato, con i suoi fantasmi, che torna a bussare.
Quale verità nascondono gli incubi che tormentano Luca?
Chi saprà scavare oltre l'apparenza e sotto la maschera?







Cosa vuoi che ne sappia il mondo di quello che succede dentro, se all'apparenza va sempre tutto bene? Che ce ne vuole di forza per sorridere, anche quando ti si sgretola l'anima e il cuore mente.

Ultimamente mi sono dedicata alla lettura di autrici italiane poco conosciute (almeno per quello che mi riguarda) nella speranza di scoprirne qualcuna che possa raccontare storie che mi emozionino.
Annamaria Bosco c'è riuscita e, grazie a lei, ho letto davvero piacevolmente il libro dedicato a Isa e Luca, un romance new adult molto dolce e romantico.
I protagonisti hanno due vite molto difficili, per motivi completamente diversi, ma che li fanno soffrire tantissimo.
I due si incontrano per caso (anche se Luca già aveva notato Isa in giro) una sera di Carnevale e, tra loro, sboccia subito una bellissima attrazione.
Luca è davvero un gran bel personaggio: tormentato ma non del tipo Bad Boy. A causa di una serata che ha preso una piega tragica ha perso il suo migliore amico (quasi un fratello) e, da allora, si sente in colpa per l'accaduto. L'autrice ha saputo gestire veramente bene i sentimenti del ragazzo, senza renderlo troppo malinconico o patetico. Il protagonista maschile l'ho approvato in pieno, in tutte le sue sfaccettature.
Quando alla sofferenza ci fai l'abitudine, la felicità ti appare un'utopica e impalpabile carezza che non ti è nemmeno dovuta. Un corpo del tutto estraneo. Ho paura di rovinare tutto quello che Isa mi sta regalando e che, nell'ultimo anno, mi sono negato.
Isa ha alle spalle una famiglia particolare: un padre spesso lontano per lavoro, una madre indifferente e una sorellina decenne deliziosa. Lei mi è piaciuta ma... l'ho trovata troppo buona e remissiva. Perdona sempre tutto a tutti e si ritrova,così, contornata da gente che la fa solo soffrire. Nel finale tuttavia riesce a riscattarsi almeno un po'.
La felicità non va aspettata come un autobus alla fermata. A un certo punto, tocca alzarsi le maniche e rincorrerla. Ed è proprio quello che ho fatto.

Io avrei mandato a quel paese Sara da un pezzo, ma che razza di amica è se si comporta così? Poi perché è così ossessionata da suo cugino fino ad essere gelosa se lui si innamora di una ragazza?
Per non parlare di Diego a cui avrei parlato chiaramente dei miei non-sentimenti nei suoi confronti e lo avrei trattato molto più freddamente.
E vogliamo discutere del comportamento della madre di Isa? Egoista, assente e menefreghista nei confronti dell'altra sua figlia Giada una bambina davvero deliziosa e frizzante.

Molto interessanti anche Valerio, fratello di Luca, Rachele, amica di Isa.
La storia in sé mi è davvero piaciuta sia per la sua dolcezza che per la sua originalità, ma soprattutto per le emozioni che ha saputo trasmettermi.
Anche lo stile narrativo di Annamaria, pulito e scorrevole, non risulta mai pesante.
Una bella scoperta questa autrice di cui ora aspetto il secondo capitolo, anche se il finale non mi ha lasciata in sospeso. 



Per voi il calendario con le altre recensioni.








8 commenti:

  1. ho scoperto questa casa editrice grazie al romanzo omicidi in si minore che mi era piaciuto tantissimo. adesso ti sento parlare tanto bene di questo e ho davvero voglia di leggerlo. mi sembra una storia molto delicata. segno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carinissimo davvero. Una CE molto interessante

      Elimina
  2. Grazie mille per la recensione! Spero che anche i prossimi possano piacere.

    RispondiElimina
  3. Grazie per la recensione, l'ho scaricato ed è in lista,penso di iniziare a leggerlo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aspetto di conoscere cosa ne pensi :D

      Elimina
    2. Concordo con la tua recensione,una bella storia, i personaggi ben descritti, Isa e Luca due bravi ragazzi e come in tutte le storie i cattivi ci sono sempre, anche la parte finale non è stata avventata ma intrigante. Molto bello

      Elimina
    3. Mi fa piacere che ti sia piaciuto.

      Elimina