sabato 6 ottobre 2018

Cosa vuoi che ti dica... #23




Continuano gli appuntamenti con la rubrica quindicinale in collaborazione con le mie fedelissime amiche blogger Librintavola Libri al caffè La lettrice sulle nuvole Letture a pois
L'argomento vincitore del sondaggio di questa volta è Libro più brutto letto questa estate.


Prima di iniziare ecco le scelte del prossimo sondaggio che vi accompagnerà fino al 17 ottobre.



Come sempre si potrà votare tramite modulo qui sotto o in pagina Facebook.
Potrete votare fino al 17 ottobre e il post con il vincitore lo troverete online il sabato 20.





Libro più brutto letto questa estate.
Io sono quel tipo di lettrice che cerca sempre di trovare un lato positivo al libro che ha tra le mani. Un personaggio, l'ambientazione, lo stile narrativo... difficilmente infatti, qui sul blog, troverete una recensione negativa. Questo romanzo però non ha niente di salvabile.

Delusione e confusione sono le due sensazioni principali che mi ha trasmesso questo libro. Ho trovato Jules arrogante, noiosa e odiosa dalla sua prima apparizione. Poi tutto quello che fa è totalmente inverosimile...
La storia narrata all'interno del romanzo è troppo contorta e senza senso. 
L'andare avanti e indietro con i tempi, non ha aiutato minimamente in questo, anzi mi ha destabilizzato ancora di più. A un certo punto sono stata portata a credere una cosa che avrebbe in parte dato un senso al racconto, ma poi tutto è saltato in aria di nuovo. 
Niente da fare, libro non salvabile in nessuna parte.

L'amica perfetta di E. Lockhart
È furba, decisa, determinata. Jule West Williams nella vita ha subito tante ingiustizie e sa che cosa significa non avere niente. È per questo che ora nulla la spaventa. Jule non ha paura di scappare, innamorarsi, reinventarsi in mestieri e vite sempre nuovi, ma anche sempre più pericolosi. Ed è proprio tra una vita e l’altra che incontra Imogen. Le due ragazze non hanno praticamente niente in comune. Immie è ricca, di buona famiglia, vive tra New York, Londra e Martha’s Vineyard. Ha tutto ciò che Jule ha sempre desiderato. Eppure tra loro c’è subito intesa. L’intesa diventa amicizia e poi ossessione: improvvisamente a Jule la vicinanza di Imogen non basta più. Lei vuole essere Imogen. In un attimo, il legame tra loro diventa un vortice che gira sempre più veloce. E da cui, una volta risucchiati, è impossibile uscire vivi.

Non fatevi scappare i post delle altre blogger per cui correte a leggere le scelte sui loro blog:



Link alle pagine Facebook delle altre blogger



10 commenti:

  1. E una volta tanto anche io non aggiungo. Mi ricordo la tua recensione Dolci !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una delusione quel libro, mai avere troppe aspettative

      Elimina
  2. Non conosco il libro, ma noto che il tema dell'amica "ossessionata" è ormai saturo di cliché - forse l'autore ha provato a uscire dagli schemi ma ha esagerato...

    RispondiElimina
  3. Un libro che rimarrà fuori dalla mia wl!!

    RispondiElimina
  4. ricordo bene quando l'hai letto e io da brava l'ho subito depennato! Che peccato però questa autrice col precedente mi era piaciuta

    RispondiElimina