domenica 17 maggio 2020

Recensione #489 Princess by Lauren Kate




Angolo vintage 2.0 #18



Princess, pubblicato in Italia, nel 2011 è il primo lavoro di Lauren Kate. Dopo aver amato la sua serie “Fallen” ero curiosa di leggere qualche altra cosa di lei. Quindi quale migliore occasione se non la rubrica ideata da La lettrice sulle nuvole?


Autrice: Lauren Kate
Titolo: Princess
Editore: Rizzoli
Pag:: 229
Data di pubblicazione: 26 ottobre 2011 (prima pubblicazione 28 ottobre 2009)
Trama
Natalie Hargrove sarebbe disposta a uccidere pur di farsi eleggere "Principessa" della scuola, e non tollera l'idea che, al suo fianco, rischi di vincere non il fidanzato Mike ma Justin, un ragazzo a cui la legano sgraditi ricordi. Mentre fervono le manovre per conquistare i voti dei compagni, durante una festa di carnevale, Natalie e Mike si imbattono in Justin ubriaco, e Nat decide di legarlo di fronte alla chiesa, sottraendogli dalle tasche alcune pillole che scambia per droga. Ma il mattino dopo, lo scherzo diventa tragedia: Justin viene ritrovato morto, e davanti a Nat si spalanca l'abisso delle responsabilità da cui ormai non può più fuggire. Tra segreti inconfessabili, ricatti, premonizioni, il primo romanzo di Lauren Kate è il ritratto appassionante, duro ma vero, di un'adolescenza americana.




Inizio subito dicendo che il romanzo non mi è piaciuto. Sarebbe stato meglio se avesse continuato a prendere polvere...
Sono tanti gli aspetti che non mi hanno convinta.
A cominciare dalla protagonista Natalie. Insopportabile, antipatica, opportunista, viziata, sciocca, superficiale... Un soggetto del tutto negativo che non riesce mai, mai a farsi benvolere da me. La sua ossessione di diventare la Reginetta della Palmetto High, la sua scuola, la porta a compiere gesti ingiustificati e assurdi.
Anche gli altri personaggi non le sono da meno e non sono per nulla apprezzabili. Piatti, vuoti e senza cervello come lei.
La trama poteva essere originale e dare vita a un bel thriller. Ne aveva tutte le possibilità. Purtroppo tutto è trattato con troppa leggerezza. Nessun mistero, nessuna suspanse. Troppe cose che non c'entravano niente usate solo per allungare il brodo; alcuni avvenimenti, invece, solo accennati che, al contrario, meritavano un approfondimento.
Il finale poteva sistemare una trama traballante regalando, magari, un bel colpo di scena, invece, assurdo anche questo.

Curiosate anche dalle mie colleghe per scoprire quale vecchio libro hanno letto.






12 commenti:

  1. Perfetto, questo non entra in wl

    RispondiElimina
  2. Ma la Kate è quella della trilogia Fallen?
    Perché io l'avevo abbandonata dopo il primo volume e se tanto mi dà tanto direi proprio che non fa per me. Ottimo. Meno 1

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella lì... a me era piaciuta la serie di Fallen, ma questo no no no.

      Elimina
  3. Ciao! Devo ammettere che già dalla trama non mi ispirava molto… pazienza, mi risparmierò una lettura poco interessante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io pensavo una cosetta leggera, ma si è rivelato una pizza

      Elimina
  4. A me la serie Fallen era piaciuta, ma anche lì, credo che l’autrice si fosse persa per strada. Mi piaci così “distruttrice”...😂😂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come tante serie che iniziano bene e poi hanno un brutto calo

      Elimina
  5. Penso di essere l'unica ad aver apprezzato questo libro xD al contrario avevo trovato la serie di Fallen noiosissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma va bene, magari tu hai trovato delle qualità positive

      Elimina
  6. Insomma, non mi fidavo anni fa e posso dire di aver avuto fiuto XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per questo sicuramente sì, ma l'altra serie a me era piaciuta

      Elimina