giovedì 24 gennaio 2019

Recensione #300 La ragazza del dipinto di Ellen Umanski


Libro in viaggio #4
Tu leggi? Io scelgo! #8



La mia scelta di questo mese ricade sul blog della nostra bravissima grafica Francesca. Tra le sue recensioni ho deciso di affrontare La ragazza del dipinto anche perché, oltre a stazionare da tempo nella mia libreria, fa parte dei quattro libri che ho deciso di mettere “in viaggio”. La rubrica nasce da un'idea de La lettrice sulle nuvole e Niente di personale

Autrice: Ellen Umanski
Titolo: La ragazza del dipinto
Editore: Newton Compton Editore
Data di pubblicazione: 23 marzo 2017
Pagine: 352

Trama
Vienna, 1939. Mentre lo spettro della guerra terrorizza l’Europa, i genitori di Rose Zimmer cercano disperatamente un modo per lasciare l’Austria. Non riuscendoci, decidono di salvare almeno la loro giovane figlia. Rose viene così affidata a degli sconosciuti e portata in Inghilterra. Sei anni più tardi, quando la guerra è finalmente terminata, Rose tenta di ricostruire la propria vita devastata: si mette quindi alla ricerca di un quadro di Soutine, appartenuto alla madre, e al quale la donna era legatissima. Dopo essersi trasferita a Los Angeles e aver trascorso lì la propria vita, Rose si imbatterà nuovamente nelle tracce di quel dipinto, diventato per lei quasi un’ossessione, e in Lizzie Goldstein, che ne è entrata in possesso dopo di lei. Tra Lizzie e Rose nasce un’amicizia inaspettata, destinata però a interrompersi bruscamente quando le due donne si troveranno di fronte a una verità dolorosa: un segreto che ha a che fare con il quadro di Soutine e che è rimasto nascosto per tanti anni… Una prosa cristallina per una storia che parla di nostalgia, dolore, perdita e perdono.
Tra passato e presente sulle tracce di un quadro che unisce i destini di due famiglie.






Noia, noia, noia... questa è la sensazione che mi ha accompagnato per tutto il tempo in cui sono stata alle prese con questo romanzo. Non mi sono addormentata per miracolo. I capitoli troppo lunghi, poi, non hanno di certo facilitato la lettura. Non sono proprio riuscita ad entrare nella storia e non mi sono piaciute neanche le due donne protagoniste.
Il romanzo segue due donne, Lizzie e Rose collegate tra loro per mezzo di un famoso dipinto scomparso: Il fattorino. La storia si dipana attraverso due piani temporali: Lizzie nel 2006 e Rose dal 1938.
Inizialmente preferivo leggere la storia del passato, ma poi tutto è diventato sempre più noioso.
Di solito mi piacciono i romanzi che raccontano di due diverse epoche storiche e, soprattutto, ambientate durante la Seconda Guerra Mondiale. Quello che mi è mancato qui è la connessione con le due protagoniste.
Totalmente insopportabile Lizzie con le sue continue lamentele per ogni minima cosa che le va storta. Io odio questo tipo di soggetti! Rose sembrava molto più promettente, almeno all'inizio delle sue vicende. Purtroppo le sue azioni hanno fatto scendere il mio interessamento verso di lei e, di conseguenza, è diventata fastidiosa quanto l'altra.
Il finale non mi ha soddisfatta minimamente e troppe domande sono rimaste insolute. Non ho capito, soprattutto, l'importanza del dipinto visto che tutto il libro gira intorno a esso. Forse mi sono appisolata senza rendermene conto e ho saltato questo passaggio?
In conclusione un libro che non è riuscito per nulla a colpirmi.




Come per ogni mese vi lascio anche il calendario per curiosare nelle recensioni delle mie colleghe blogger.





29 commenti:

  1. Ho anche io questo libro che staziona da un po' in libreria, non era tra le prossime letture, ora poi!!!

    RispondiElimina
  2. Lo sto leggendo in questi giorni e su molte cose concordo con te.

    RispondiElimina
  3. Questo libro mi è stato regalato dalla CE ma ammetto di non ricordarlo... L'ho letto e recensito ma ho un vuoto!

    RispondiElimina
  4. Ma nooooo la noia noooooo. Almeno avrò i commenti da leggere quando toccherà a me

    RispondiElimina
  5. non me ne volere ma non mi ispira proprio

    RispondiElimina
  6. Se devo essere sincera, non ho mai acquistato questo libro proprio perché mi dava il senso di molto molto"noioso".....
    Direi che ci ho azzeccato xD

    RispondiElimina
  7. Non si è proprio capito che è noioso... Una vera rottura quando capitano libri così!

    RispondiElimina
  8. E dire che la storia sembrava anche promettente!!! Mi dispiace per la tua lettura, spero che il prossimo sia così bello da divorartelo!!! 😊😊

    RispondiElimina
  9. Pensa che questo romanzo è nella mia lista dei desideri e mi dispiace che non sia stata una lettura piacevole. La prossima volta andrà sicuramente meglio.

    RispondiElimina
  10. Ho questo libro ma deve anche arrivarmi come libro in viaggio e se è così noioso per fortuna partecipo al viaggio così mi divertirò con i commenti

    RispondiElimina
  11. Questo libro l'ho letto alcuni anni fa, ma non mi ricordo nulla XD!!

    RispondiElimina
  12. Per caso hai provato noia???🤣🤣🤣🤣🤣
    Passiamo oltre tranquillamente!!

    RispondiElimina