lunedì 28 gennaio 2019

Recensione #302 Il legame del drago by Thea Harrison


Questa volta leggo #11


Il primo appuntamento con la rubrica in collaborazione con La lettrice sulle nuvole e La Libridinosa (che si prende un periodo di pausa) prevede la lettura di un autore/autrice mai affrontati prima. La mia nuova conoscenza librosa è Thea Harrison di cui ho letto il primo capitolo della serie Urban Fantasy sulle Antiche Razze.

Autrice: Thea Harrison
Titolo: Il legame del drago
Serie: Elder Races #1
Editore: Leggereeditore
Pag:: 400
Data di pubblicazione: 17 ottobre 2013

Trama
Mezza umana e mezza wyr, l’antica e potentissima razza dei draghi, Pia ha sempre cercato di nascondere a tutti le sue origini. Ma un giorno il suo ex fidanzato scopre la sua capacità innata di aprire qualsiasi serratura e la costringe a commettere un furto. Non si tratta di un furto qualsiasi: le chiede di derubare un drago multimiliardario. Pia riesce nella sua missione e ruba un penny dai suoi tesori, senza sapere che da quel momento in poi il suo sangue wyr tornerà a reclamare la sua parte. Prima ancora però, sarà il derubato a reclamare indietro la sua moneta, insieme alla ladra che ha osato sottrargliela. Lui è Dragos Cuelebre, nato insieme al sistema solare, predatore tra i predatori, il più temuto dei wyr. Ma quando riuscirà a catturare Pia, scoprirà segreti ed emozioni nuove, che lo uniranno a lei irreparabilmente, come una forza ancestrale. Insieme affronteranno la minaccia dei fae oscuri e le difficoltà della trasformazione che sta avvenendo in Pia, che ora è pronta ad accettare la sua natura wyr. Un’esplosiva miscela di magia e romanticismo tra le fortezze dell’Altra Terra e i grattacieli di New York, un mondo popolato di creature maestose e affascinanti, in cui sarà un piacere perdersi.





Ho affrontato questa nuova autrice grazie al Gruppo di Lettura che seguirà la serie Urban Fantasy piena di creature magiche: draghi, elfi, folletti, goblin, arpie...
Confesso di essere stata brava e aver rispettato le prime due tappe, poi però sono stata avvolta dalle spire della coda del Drago e non sono riuscita a fermarmi. Tutto il mondo creato dalla Harrison mi è piaciuto moltissimo e lo trovo costruito benissimo.
Ammetto che il protagonista Dragos era un po' troppo maschio alpha, ma ero già preparata e non mi ha dato eccessivo fastidio perché conoscendolo meglio si è rivelato non il solito idiota maschilista che sa dare solo ordini. Ha un lato insicuro che mi ha ispirato tenerezza. Fattore che ha dato un buon equilibrio al suo personaggio.
Nei confronti della protagonista Pia ho avuto delle difficoltà iniziali perché il confronto con l'eroina del Gdl precedente (Riley) era inevitabile. Poi che nome è Pia? Dopo qualche capitolo ho iniziato ad apprezzare anche lei. Incarna proprio il tipo di eroina di cui leggo con piacere: non è debole e lagnosa, ma forte, ironica e determinata.
La chimica tra i due è ben descritta e sprizzano scintille ogni volta che sono insieme. La Harrison ha saputo anche far crescere in modo credibile la loro relazione.
Altri soggetti del romanzo si sono fati notare in positivo. Primo fra tutti Rune, il secondo di Dragos, ma anche Graydon e Tricks. Ovviamente voglio leggere le loro storie. Il prossimo capitolo è, però, incentrato sulla figura di Tiago che non mi ha incuriosito eccessivamente in questo libro.
Tutta la storia è ben strutturata e ha un buon ritmo essendo piena di azione e colpi di scena.
Una nuova, brava autrice scoperta e un bel ritorno a un genere che avevo tralasciato da qualche tempo.



Come al solito ecco anche il calendario di gennaio.





30 commenti:

  1. Dolciiiii ma cosa dici?
    Ti sei lasciata stregare dalla coda di Dragos?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 🐉🐉🐉 avvolta tra le sue spire 😍😍😍

      Elimina
  2. Stessa domanda: ma che nome è Pia?????

    RispondiElimina
  3. Sono contenta che ti sia piaciuto! Credo che passerò oltre perché io e questa tipologia di draghi non andiamo molto d'accordo.

    RispondiElimina
  4. Ehm...urban fantasy no piace me, no, no.
    Ma, una domanda sorge spontanea: Draghi rosa e glitterosi ce ne sono?
    Bacci

    RispondiElimina
  5. Mi sa che proprio non è una lettura adatta a me! Però sono contenta che ti sia piaciuta la tua di lettura 😊😊

    RispondiElimina
  6. E certo che ti sei lasciata andare, basta che sia maschio alfa e tu perdi la bussola ahahah

    RispondiElimina
  7. Molto interessante, avrei tanto voluto partecipare al GdL ma non sarei riuscita a gestire tutto!

    RispondiElimina
  8. Cioè,la Comandante ha permesso che tu andassi avanti senza protestare??? Sta diventando troppo buona! Lo voglio leggere anche io😍😍

    RispondiElimina
  9. Non è una lettura adatta a me, ma la tua recensione mi è piaciuta. Però mi raccomando, niente draghi rosa e glitterosi per favore.

    RispondiElimina
  10. La tua recensione descrive benissimo il libro, in modo curato e accorato. Io però purtroppo non amo molto questo tipo di racconti...

    RispondiElimina
  11. Ho apprezzato l'ambientazione, Pia ( tralasciando il nome...ma prima della fine della serie scopriremo il suo vero nome?!?!?!?) ed anche la potenza, la mascolinità di Dragos ma quest'ultima si è spenta troppo presto e più che un maschio alpha a me è sembrato uno zerbino

    RispondiElimina
  12. Pure io come la mia socia non frequento l'urban fantasy. E' già un progresso che abbia deciso di leggere un romance quindi non si sa mai. ;-)
    Ciao da Lea

    RispondiElimina
  13. ho sempre il terrore di iniziare nuove saghe... bella la tua recensione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io soprattutto perché se non hanno grande successo le interrompono

      Elimina
  14. Purtroppo io nel gdl sono rimasta indietro per un semplice motivo: mi sono arenata.
    Mi sono fermata poco prima della metà, ma il libro mi stava piacendo e quindi ho continuato, poi però mi sono fermata di nuovo perché c'era qualcosa che non mi convinceva, che non mi permetteva di continuare.
    Magari lo riprenderò a breve, anche perché vorrei comunque finirlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il primo libro è molto bello, il secondo non mi è piaciuto invece

      Elimina