giovedì 27 dicembre 2018

Recensione #292 Non lasciarmi mai andare by Katy Regnery


Questa volta leggo #10


Il libro da leggere per questo mese di dicembre, per la rubrica in collaborazione con La lettrice sulle nuvole, non poteva non avere per tema la Neve. Neve in copertina, neve nel titolo, neve qua neve là nevicaaaaaa... ok mi sono fatta prendere la mano. La mia scelta è caduta su Non lasciarmi andare di Katy Regnery.


Autrice: Katy Regnery
Titolo: Non lasciarmi mai andare
Serie: A modern fairytale #2
Editore: Quixote
Pag:: 567
Data di pubblicazione: 19 novembre 2018

Trama
In questa rivisitazione moderna di Hansel e Gretel, Griselda e Holden, tredicenni in affido, scappano dal loro rapitore dopo tre anni di prigionia brutale, e provano ad attraversare il fiume Shenandoah a piedi. Purtroppo, lei riesce a mettersi in salvo, mentre lui viene lasciato indietro. Dieci anni dopo, il fidanzato di Griselda la trascina in un fight club e il suo mondo viene capovolto quando vede Holden salire sul ring. Sebbene la connessione tra di loro sia potente, i due sono separati da un amaro rimpianto, una rabbia sepolta e da un groviglio di ferite fisiche ed emotive, tanto pericolosi quanto le acque dello Shenandoah.
Non lasciarmi mai andare è una storia di paura e speranza, sconfitta e sopravvivenza, e su due persone distrutte nel profondo, che scoprono che l’amore è l’unico sentimento che li può rendere di nuovo completi.






Secondo capitolo della serie retelling A modern fairytale che non ha personaggi in comune ma il filo conduttore è proprio derivato dalle favole rivisitate. Questo romanzo in particolare prende in oggetto la storia di Hansel e Gretel.
Holden e Griselda sono due bambini rapiti all'età di 10 anni e tenuti sequestrati per 3 anni. Griselda riesce a scappare mentre Holden rimane nelle mani del suo aguzzino.
Dieci anni dopo i due si rivedono per caso ad un incontro in un fight club dove Holden sta combattendo. Si riconoscono e decidono di dare una possibilità alla loro storia.
Ho trovato i personaggi ben sviluppati anche se non mi sento in accordo con alcune delle loro scelte.
Griselda rimane con il suo compagno Jonah nonostante le violenze che subisce nell'intento di espiare il senso di colpa per aver lasciato Holden nelle mani del rapitore. Fin qui ci può stare perché durante la lettura ho compreso questa sua scelta. Ma quando viene abbandonata da Holden (volontariamente stavolta), Griselda torna con Jonah? Eh no ora non hai giustificazioni!
Parliamo di Holden? L'ho amato tantissimo ma anche lui prende delle decisioni che proprio non accetto. Dopo tutte le perdite subite da bambino, genitori prima, nonna poi, si ritrova a perdere anche Griselda a cui si era affezionato tantissimo. Quindi il suo voler rimanere con Caleb (il rapitore) è comprensibile perché era una persona a cui mai si sarebbe affezionato e di cui non avrebbe patito la perdita. Ma poi che fa? Tu Holden dopo aver sofferto tanto per la lontananza da Griselda decidi di arruolarti nei Marines? Boh sono rimasta perplessa.
Non ho sopportato, come c'era da aspettarsi i due soggetti negativi del romanzo: Jonas e Gemma i rispettivi partner dei protagonisti.
Forse avrei tagliato delle parti al libro visto che, a tratti, la storia era lenta e non succedeva nulla di rilevante per la relazione tra Griselda e Holden.
A parte queste incongruenze il romanzo mi è piaciuto e mi ha emozionata.
Ho apprezzato anche che fosse scritto in Pov alternati, sia quando raccontano del presente sia per i flashback della loro infanzia. Penso sempre che sia il modo migliore per conoscere un personaggio a 360 gradi. Inoltre lo stile dell'autrice riesce sempre a incatenarmi alle pagine e soffrire con i suoi protagonisti.
Continuerò sicuramente a leggere questa serie di romanzi pregando la Quixote di tradurli tutti!




20 commenti:

  1. Sono in difficoltà. Non so se questi libro possa piacermi. proprio per le scelte fatte dai protagonisti. Qual è il primo volume?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è il seguito, ma si può leggere da solo, de Il Veterano.

      Elimina
  2. Io ho amato profondamente questa storia. Bellissima e toccante e secondo me le scelte dei protagoniste erano motivate e giuste per il loro percorso di crescita. Di certo l'ho apprezzata di più del Veterano che per quanto mi sia piaciuto non ha quella marcia in più che questo libro invece possiede

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me è piaciuta, ma ho preferito Il veterano

      Elimina
  3. sai che non ho amato il primo e quindi non credo leggerò questo anche se altre recensioni mi hanno tentata, ma non si sa mai

    RispondiElimina
  4. Non conosco la serie... la tua recensione mi ha spiegato bene il libro ma credo che non sia proprio il mio genere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono bei romance, retelling di favole famose.

      Elimina
  5. Passo, non fa proprio per me.
    Un bacione alla mia donna glitter preferita
    Bacci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti non credo sia il tuo genere. Ciao Bacci, la buona del trio!

      Elimina
  6. Non conoscevo la serie ma purtroppo passo, non fa per me.

    RispondiElimina
  7. Non credo mi possa piacere. I migliori auguri di Buone Feste. Lea

    RispondiElimina
  8. La premessa mi ispira parecchio... ma dal modo in cui ne parli penso proprio che passerò!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un bel libro ma che non mi ha convinto del tutto.

      Elimina
  9. Non so proprio... già la sinossi non mi ha colpita. Ci sono elementi che anche tu sottolinei nella recensione che non mi spingono a leggerlo: metto in stand-by. Poi chissà...

    RispondiElimina