martedì 18 dicembre 2018

Recensione #291 La Città di Sabbia by Laini Taylor



Autrice: Laini Taylor
Titolo: La città di sabbia
Serie: Daughter of Smoke & Bone #2
Editore: Lain YA
Data di pubblicazione: 11 febbraio 2016
Pagine: 460

Trama
Dopo aver viaggiato nello straordinario mondo de La chimera di Praga e aver scoperto i segreti di Karou, allieva di uno stregone e talentuosa disegnatrice, chimera dai capelli blu che si innamora pericolosamente di Akiva, un serafino bellissimo, ecco il secondo tempo di questa grandiosa avventura, figlia della penna di una scrittrice già finalista al prestigioso National Book Award.
La studentessa d'arte Karou ha finalmente le risposte che ha sempre cercato. Sa chi è e cosa è. Ma, insieme a questa scoperta, un'altra verità affiora in superficie, una realtà che la ragazza farebbe di tutto pur di ignorare: ha amato un ragazzo che le è nemico, lui l'ha tradita e per questo il suo mondo è sconvolto. Ora, in una kasbah dimenticata nel deserto del Marocco, Karou e i suoi alleati si preparano a uno scontro definitivo contro l'armata dei serafini e sotto la luce delle stelle plasmano creature di potente forza distruttiva. Akiva, legato dall'appartenenza all'esercito degli angeli, ma gravato da un profondo conflitto interiore, inizia a progettare un altro tipo di battaglia: quella per il riscatto. Per la speranza. Costellato da scene drammatiche, di segreti e di scelte impossibili, La città di sabbia porta i due protagonisti sui fronti opposti di una guerra antichissima che ha acquistato nuovo vigore. In una dimensione fantastica descritta nei minimi particolari, Laini Taylor dà vita a un mondo intero dove la combattuta storia d’amore tra Karou e Akiva diventa il simbolo della lotta per la pace universale.
Ma la speranza può rinascere dalle ceneri dei sogni infranti?




La Chimera di Praga, primo capitolo di questa trilogia urban fantasy, mi era piaciuto molto quindi mi aspettavo di trovare un seguito all'altezza. Purtroppo non è andata così.

Stavolta ho avuto tantissime difficoltà con lo stile della Taylor e con la lentezza della storia. Per non parlare della confusione... Infatti le sensazioni principali durante la lettura del romanzo erano di noia e smarrimento. Non succede granché e tutto è sempre troppo confusionario.
Sono dovuta arrivare oltre la metà del romanzo per iniziare a ingranare con la storia. Non sentivo, poi, l'urgenza di proseguire, saltando le tappe, come successe per il primo volume o per altri libri che leggo per i GDL. Se non fosse stato per l'impegno preso era uno di quei libri che avrei abbandonato volentieri.
Il personaggio di Karou, che tanto avevo amato nella Chimera, qui è stata descritta completamente all'opposto (degna concorrente di Lagnette). Apatica e senza il minimo spirito combattivo che l'aveva distinta nel primo volume. Totalmente succube della situazione, tanto da essere fastidiosa. Non basta a sua amica Zuzanna a darle un po' di brio.
La mia opinione su quest'ultima non è mutata neanche qui e rimane il mio personaggio preferito.
Akiva si salva un po' andando in giro a salvare di nascosto le chimere, ma anche lui troppo sotto tono.
Ho rivalutato invece Hazael e Lizar di cui ho amato la crescita psicologica.
Nonostante non abbia apprezzato questo secondo capitolo proseguirò con la novella e l'ultimo libro. Un po' per vedere se le cose migliorano, ma soprattutto per l'impegno preso con le mie compagne del GDL.







16 commenti:

  1. Ciao Dolci, io ho amato questa serie! E' vero, il primo anche io l'ho trovato più coinvolgente. Il secondo l'ho letto due volte a distanza di anni e solo alla seconda rilettura sono riuscita ad apprezzarlo per bene. ;) PS ti invito a partecipare a "Sotto l'albero di Natale 2018", un evento natalizio. Oggi ho pubblicato il mio post: https://ilregnodeilibri.blogspot.com/2018/12/sotto-lalbero-di-natale-2018.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molti dicono di averlo apprezzato dopo la rilettura, ma io non so se voglio rileggerlo. Dopo do un'occhiata all'iniziativa.

      Elimina
  2. Dolci trovo la tua recensione perfetta. Sono completamente d'accordo con te. E come te continuerò la lettura della serie.

    RispondiElimina
  3. Nonostante la ripresa finale non sono riuscita a cambiare di molto le impressioni che mi hanno accompagnato durante la lettura. Incrocio le dita per il seguito

    RispondiElimina
  4. Essendoci una guerra da combattere il terzo capitolo dovrebbe, e sottolineo dovrebbe, partire bene già dall’inizio e reggere sempre il ritmo. Speriamo! Comunque non so voi ma fino all’ultimo capitolo del terzo libro io continuerò ad aspettare Sulphurus!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo davvero, questo è stato uno strazio.

      Elimina
  5. Questo secondo libro è stato una piccola delusione… un libro di pausa che vive sugli altri libri della serie, inizia dove finisce il primo e si conclude con l'inizio del terzo (almeno spero che nel terzo le cose rimangano movimentate come nel finale..). I personaggi principali, Akiva e Karou, praticamente erano ombre che si muovevano… i personaggi secondari erano più brillanti di loro. Zuzana e Mik, Liraz e Hazael hanno salvato la storia..

    RispondiElimina
  6. Tutte che ci siete rimaste male, ma poi alla Taylor solo io gliel'ho detto….

    RispondiElimina
  7. ma anche tu non hai apprezzato uffi, dai che il prossimo è l'ultimo e spero sia fantastico

    RispondiElimina
  8. Dai che raggiungere i livelli di Lagnette non è facile XD Karou ha ancora molta strada da fareper aspirare a tale traguardo!
    Però della verve quando arriva Zuzana l'ho intravista! Certo, occorre aspettare, eh, prima che agisca e deve perfino trovarsi in pericolo...
    Per fortuna il libro non mi è dispiaciuto e leggerò il terzo volume con curiosità, sperando di vedere scomparsi i difetti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma parte moooooolto bene. Che poi la delusione maggiore deriva proprio dal suo personaggio.

      Elimina