lunedì 22 aprile 2019

Recensione #330 Circe by Madeline Miller



Tu leggi? Io scelgo! #11



Libro letto per: Reading Challenge Dalle tre ciambelle Ristorante – Pizzeria
Pizza Grammarnazi – Leggi Circe di Madeline Miller



Nel mese di Aprile la mia scelta è caduta sul blog della Lettrice sulle nuvole, visto che volevo leggere questo libro, dopo aver amato lo stile della Miller in La canzone di Achille, non mi sono fatta sfuggire l'occasione. Inoltre rientra in uno degli obiettivi della Reading Challenge che sto seguendo.


Titolo: Circe
Autrice: Madeline Miller
Casa editrice: Sonzogno
Pagine: 411
Data di pubblicazione: 14 febbraio 2019
Trama
Ci sembra di sapere tutto della storia di Circe, la maga raccontata da Omero, che ama Odisseo e trasforma i suoi compagni in maiali. Eppure esistono un prima e un dopo nella vita di questa figura, che ne fanno uno dei personaggi femminili più fascinosi e complessi della tradizione classica. Circe è figlia di Elios, dio del sole, e della ninfa Perseide, ma è tanto diversa dai genitori e dai fratelli divini: ha un aspetto fosco, un carattere difficile, un temperamento indipendente; è perfino sensibile al dolore del mondo e preferisce la compagnia dei mortali a quella degli dèi. Quando, a causa di queste sue eccentricità, finisce esiliata sull'isola di Eea, non si perde d’animo, studia le virtù delle piante, impara a addomesticare le bestie selvatiche, affina le arti magiche. Ma Circe è soprattutto una donna di passioni: amore, amicizia, rivalità, paura, rabbia, nostalgia accompagnano gli incontri che le riserva il destino – con l’ingegnoso Dedalo, con il mostruoso Minotauro, con la feroce Scilla, con la tragica Medea, con l’astuto Odisseo, naturalmente, e infine con la misteriosa Penelope. Finché – non più solo maga, ma anche amante e madre – dovrà armarsi contro le ostilità dell’Olimpo e scegliere, una volta per tutte, se appartenere al mondo degli dèi, dov'è nata, o a quello dei mortali, che ha imparato ad amare. Poggiando su una solida conoscenza delle fonti e su una profonda comprensione dello spirito greco, Madeline Miller fa rivivere una delle figure più conturbanti del mito e ci regala uno sguardo originale sulle grandi storie dell’antichità.
Sulla base di una solida conoscenza delle fonti e di una profonda comprensione dello spirito greco, Madeline Miller torna a raccontarci, nel suo stile avvincente, una delle figure più affascinanti e misteriose del mito e a offrirci un sapiente panorama delle grandi storie dell’antichità.



Confesso la mia ignoranza e ammetto che Circe, per me, era la maga che trasformava gli uomini in maiali. Questo libro invece mi ha permesso di conoscere una figura femminile forte e complessa che ho amato tantissimo.

Questa volta la Miller ha scritto un romanzo con un'unica protagonista. E che protagonista!
Circe figlia del titano Elios e della ninfa Perse sembra non aver particolari caratteristiche che la rendono speciale e viene vista un po' come la pecora nera della famiglia. Facile quindi mandarla in esilio su un'isola deserta dopo un paio di azioni sbagliate. Tuttavia, nonostante l'isolamento, la sua vita non sarà per nulla noiosa.
Ho trovato il libro diverso dalla Canzone di Achille, ma ugualmente bello e ben scritto.
Lo stile della scrittrice si conferma, per me, qualcosa di meraviglioso. Ho scelto di centellinare la lettura affrontando una cinquantina di pagine al giorno perché volevo gustarmi in pieno la sua prosa brillante. Non è una narrazione veloce o leggera eppure ha saputo incantarmi con le sue descrizioni suggestive. Pensavo di penare la scarsità di dialoghi, cosa che di solito mi appesantisce la lettura, eppure non ho mai provato un momento di noia. Al pari di Penelope la Miller è riuscita a intessere una trama oltre modo coinvolgente.
La parte migliore del romanzo è proprio lo sviluppo di Circe. Vorrei riuscire a esprimere come si deve tutte le sensazioni provate durante la lettura. Seguire la sua crescita ed evoluzione è stato come essere lì con lei, passeggiare sulla sua isola, raccogliere le piante magiche e preparare i vari filtri. Ho empatizzato con lei in ogni momento. Non posso dire di essermi commossa fino alle lacrime, ma tutta la lettura è stata un qualcosa di sublime e molto emozionate.
Non solo Circe è stata così ben caratterizzata anche tutti gli altri “ospiti” famosi che passano nella sua casa sono interessantissimi. Tutti talmente ben fatti da voler quasi uscire dalle pagine. Ognuno di loro, poi, ha una parte importante nella vita della protagonista.
Aspetto con impazienza qualsiasi altra cosa voglia scrivere la Miller perché è un'autrice che riesce a farmi amare il libro di un genere, come lo storico, che di solito non mi appassiona.



Qui sopra il calendario con le recensioni degli altri blog.



26 commenti:

  1. Dolci che bella recensione! Fa davvero venire voglia di leggere questo romanzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io adoro lo stile di questa scrittrice. coinvolgente e riflessivo, mai noioso

      Elimina
  2. Una delle mie prossime letture! Forse proprio la prossima!

    RispondiElimina
  3. Questo romanzo mi ispira ma ne parlano così tanto che per adesso non rientra nelle mie letture!

    RispondiElimina
  4. Non vedo l'ora di leggerlo anche io

    RispondiElimina
  5. La tua recensione è proprio bella, brava Dolci ^^ mi ispirava già il libro, quindi lo leggerò sicuramente, prima o poi! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Elena, quando l'avrai letto dimmi che ne pensi

      Elimina
  6. Ho amato questo libro dall'inizio alla fine, è un gioiellino :)

    RispondiElimina
  7. La storia sembra davvero molto bella e la tua recensione me lo conferma. Mi frena un po’ la modalità di scrittura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda sembra lento, ma verrai catturata dalla storia

      Elimina
  8. Wow! Nonostante la mitologia mi appassioni non sapevo l'esistenza di questo romanzo, che sicuramente metterò in lista (magari chiedo un regalino a mio marito per la festa della mamma! :) complimenti anche per la recensione!

    RispondiElimina
  9. Ho amato moltissimo questo libro e Achille è lì che mi aspetta. Mi piace moltissimo lo stile dell'autrice, che richiede il suo tempo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Achille è diverso ma comunque meraviglioso

      Elimina
  10. Ecco, questa è un'autrice che devo proprio provare: la mitologia mi ha sempre affascinato. Complimenti per la recensione

    RispondiElimina
  11. Sarà una delle mie letture per questo mese corrente e non vedo l' ora di scoprire questa storia e la scrittrice!

    RispondiElimina
  12. Ho amato tantissimo questo libro, infatti ho subito comprato anche La canzone di Achille!

    RispondiElimina
  13. devo leggerlo, devo leggerlo, devo leggerlo!

    RispondiElimina