lunedì 25 gennaio 2021

Recensione #599 Alice in Zombieland by Gena Showalter

 


Zombie? Retelling? Alice? Chi mi conosce ormai sarà più che stanco di sentirmi elogiare questi tre elementi che adoro ritrovare nelle mie letture. Quando è stato il momento di scegliere per questa rubrica, ideata da Chiara e Rosaria, a cui si è aggiunta anche Chicca, non ho avuto dubbi. Dal blog di Floriana ho pescato questo romanzo. La sua recensione del romanzo QUI.


Autrice: Gena Showalter

Titolo: Alice in Zombieland

Serie: White Rabbit Chronicles

Editore: Harlequin Mondadori

Pag:: 372

Data di pubblicazione: 30 novembre 2017

Trama

Non avrò pace finché non avrò rispedito nella tomba tutti i morti che camminano. Per sempre.
Se qualcuno mi avesse detto che la mia vita sarebbe cambiata in un momento, sarei scoppiata a ridere. E invece è proprio quello che è accaduto. Un attimo, un secondo, il tempo di un respiro, e tutto ciò che amavo è sparito. Mi chiamo Alice Bell, e la notte del mio sedicesimo compleanno ho perso la madre che adoravo, la mia sorellina e il padre che non ho mai capito finché non è stato troppo tardi. Quella notte ho scoperto che lui aveva ragione: i mostri esistono veramente. Gli zombie mi hanno portato via tutto. E adesso non mi resta che la vendetta...
Per realizzare i suoi propositi, Alice dovrà imparare a combattere contro i non-morti e fidarsi del peggiore dei cattivi ragazzi della scuola, Cole Holland. Ma lui nasconde dei segreti. E quei segreti potrebbero rivelarsi persino più pericolosi degli zombie.






Questo libro giaceva inerte nella mia libreria ormai da qualche anno, eppure ricordo di averlo acquistato con tutte le buone intenzioni di leggerlo subito, invece...

Alice Bell ha 16 anni, ma la sua vita è diversa da quella dei suoi coetanei. Il padre, convinto di vedere dei mostri, limita la libertà sua e della sorella. Una sera, di ritorno da uno spettacolo scolastico, i Bell hanno un bruttissimo incidente. L’unica superstite è proprio Alice che, nella confusione del momento, vede accadere una cosa stranissima.

Il libro in sé non è male per nulla, si legge velocemente, è appassionante, i personaggi sono ben descritti. Però... La parte zombesca non mi ha convinta granché. Le creature, descritte nel romanzo, sembrano più vampiri che zombie: escono solo di notte, si uccidono con il taglio della testa (richiamo ad Alice?). Anche il fatto che non tutti sono in grado di vederli non è spiegato benissimo. Inoltre mi è mancata la paura verso queste creature, non c'è suspense quando appaiono. Quindi la parte horror che credevo di trovare manca totalmente.

Altro aspetto che mi ha deluso è che i rimandi alla Alice originale, sono pochi, quasi inesistenti. A parte il nome della protagonista, la nuvola a forma di coniglio non ho ritrovato altri punti in comune.

Queste due caratteristiche hanno disilluso le mie aspettative, non ho trovato quello che cercavo (o credevo esserci) in questo libro.

D'altra parte il romanzo è comunque un bel Young adult con tocchi paranormali, con la classica storia brava ragazza che si innamora del bad boy. Genere che leggo con tantissimo piacere. Infatti non è che mi sia dispiaciuto, anzi ho apprezzato molto vedere Alice e Cole interagire insieme. Anche i vari soggetti secondari sono carini, anche se non sono riuscita ad affezionarmi a nessuno in particolare.

Il voto, piuttosto alto, è dovuto dal fatto che io amo lo stile della Showalter e, in fondo, la storia è veramente bella e coinvolgente, si legge piacevolmente.

Devo solo ricordare di prenderlo come un romanzo Young Adult e non come un libro horror sugli zombie.

Leggerò sicuramente anche gli altri volumi e questa volta saprò cosa aspettarmi.


La serie White Rabbit Chronicles è composta:

1 Alice in Zombieland

1,5 Cole... Meet Ali

2 Zombie allo Specchio

3 La Regina degli Zombie

4 Zombie Party

4,1 Kat in Zombieland










16 commenti:

  1. Sai che quando ho visto che libro hai scelto sono andata a rileggere la mia recensione? E mi sono resa conto di averla scritta davvero tanto tempo fa. Cmq. vedo che anche se con idee differenti il libro è piaciuto abbastanza come è successo a me ben 6 anni fa!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un romanzo vecchiotto, sono contenta di averlo finalmente letto

      Elimina
  2. insomma sono vampizombi? è nata una nuova creatura!

    RispondiElimina
  3. L'horror non è mai stato il mio genere, nè nei libri nè in tv. E i personaggi delle favole della mia infanzia calati in storie così poco da favola.....no, non mi attira! Grazie della tua recensione! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di horror non c'è nulla e poco anche della favola originale. Un romanzo Young Adult piacevole

      Elimina
  4. Anche io non vado d'accordo con l'horror ma visto che è soft magari se ci scappa chissà, potrei anche leggerlo.

    RispondiElimina
  5. Non è per nulla il mio genere. Giro molto a largo dagli zombie Ahahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io li adoro e li cerco... quelli dei libri almeno

      Elimina
  6. Letto un sacco di tempo fa, mi era piaciuto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carinissimo come Young, ma non come horror :D

      Elimina
  7. Al momento questo libro non è nelle mie corde!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo, ogni libro deve essere letto nel momento giusto

      Elimina
  8. Mi attira e non mi attira, non è che ami particolarmente gli zombie!!!

    RispondiElimina