mercoledì 13 giugno 2018

Recensione #207 Cuore di tenebra by Joseph Conrad



Questa volta per la rubrica Tu leggi? Io scelgo, ideata dalla Chiara e Rosaria, ho avuto la possibilità di scegliere proprio da una delle organizzatrici: Rosaria. Tra i suoi titoli mi ha ispirato Cuore di tenebra di Joseph Condrad, soprattutto perché in questo modo potevo anche smaltire qualche vecchio libro in attesa.



Titolo: Cuore di tenebra
Autore: Joseph Conrad
Casa editrice: Giunti
Pagine: 144
Data di pubblicazione: 1 settembre 2013
Trama
Un battello malandato che risale un fiume nel cuore dell'Africa nera, una foresta inestricabile e oscura, un popolo sfruttato e ostile. Il capitano Marlow, accompagnato da un equipaggio di cannibali, parte alla ricerca del misterioso agente coloniale Kurtz, l'unico in grado di procurare ingenti quantità di avorio. Giunto finalmente a destinazione, Marlow si troverà di fronte a una realtà agghiacciante: megalomane e sanguinario, Kurtz è adorato dagli indigeni come una divinità e temuto per la sua implacabile ferocia. Una discesa agli Inferi che è anche un viaggio nelle tenebre del cuore umano.








Il libro mi è piaciuto ma non mi ha entusiasmato eccessivamente. Sarà che lo stile dell'autore, pur raccontando una storia piena di avvenimenti, non mi ha saputo coinvolgere. L'ho letto, comunque, velocemente perché è composto di circa 150 pagine, ma ho avvertito un senso di pesantezza.
Marlow è il personaggio principale e racconta di un suo viaggio in Africa, nel Congo. Il suo resoconto illustra come gli uomini bianchi rubassero l'avorio ai nativi uccidendone in grandi quantità sia con le armi da fuoco che con le malattie sconosciute da quei popoli.
Il principale problema che ho avuto è stato proprio lo stile dell'autore forse troppo datato. Eppure ho letto altre opere di Conrad e mi erano piaciute moltissimo; anche storie di questo genere. Purtroppo qualcosa non ha funzionato questa volta. Altro problema l'ho riscontrato con il tempo della storia: non segue un preciso ordine cronologico, ma flashback e ricordi che non sono consecutivi.
Quello che invece ho trovato ben descritto è l'ambiente della giungla africana. Immagini davvero vivide da darmi la sensazione di essere lì, ad esplorare questi luoghi meravigliosi insieme a Marlow. Buona anche la caratterizzazione dei personaggi, nonostante la brevità del libro.

Di seguito il solito calendario per poter leggere tutte le altre recensioni.








14 commenti:

  1. Ciao Dolci ^^ un classico da aggiungere ai libri da leggere, perlomeno per "cultura" visto che non ti è piaciuto moltissimo, e mi fido dei tuoi gusti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Breve ma lento. Però non è stata una lettura brutta

      Elimina
  2. questo è uno di quei libri che mi riprometto di leggere, però visto il tuo scarso entusiasmo la mia voglia sta scivolando via :D

    RispondiElimina
  3. Non conoscevo questo libro... ma visto la pesantezza che ti ha trasmesso, lascio stare.
    Grazie per la recensione :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI poche pagine ma lente nella narrazione.

      Elimina
  4. ottima recensione ma passo oltre, grazie

    RispondiElimina
  5. Letto e anche io ho avuto la tua stessa impressione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so ho letto la tua recensione :D

      Elimina
  6. Io questo passo, non mi attira per niente...

    RispondiElimina
  7. Da tempo mi riprometto di leggerlo, ma poi passo sempre oltre. La tua recensione poi non è molto incoraggiante...

    RispondiElimina
  8. Un "classico" che non ho letto...come tanti altri!! Non è tra i primi che vorrei leggere, però e dopo la tua recensione mi sa che rimarrà nelle retrovie

    RispondiElimina