martedì 17 settembre 2019

Recensione #401 Rimozione forzata by Emma Black




Angolo vintage 2.0 #12

Protagonista di settembre per la rubrica creata da La lettrice sulle nuvole non è proprio un libro, ma un'autrice che la suddetta continuava a consigliarmi spesso. Io però sono “de coccio” e continuavo a rimandare in continuazione. Alla fine ho approfittato della rubrica per lanciarmi su questa autrice (non in senso letterale!)

Autrice: Emma Black
Titolo: Rimozione forzata
Serie: Legio x #1
Editore: Self Publishing
Pag:: 349
Data di pubblicazione: 9 febbraio 2016
Trama
Alice Cooper è una giovane donna come tante, un po’ pantofolaia e ancora inesperta.
Trascinata dalle amiche ad una festa, incontra Bill, un uomo affascinante e misterioso. Una passione immediata e inevitabile li travolge e lei lo segue in albergo, convinta di poter trascorrere la notte con lui, senza troppe conseguenze.
Peccato che il destino abbia in serbo qualcosa di molto diverso.
Lui, infatti, non è chi dice di essere. Non si chiama Bill, ma Tom Fabius e non è un uomo, ma un vampiro millenario, un Centurione della Decima Legione, la preferita di Giulio Cesare.
Scaraventata a forza in un mondo che non le appartiene e tutt’altro che fantastico, Alice si ritroverà legata a lui anima e corpo, combattuta tra il desiderio bruciante e l’odio profondo. Esperienze dolorose e scoperte inquietanti le insegneranno che non può più tornare indietro e, soprattutto, che nemmeno lo vuole.
E proverà a tutti di non essere un fiorellino delicato, ma di possedere la tempra di una guerriera.



Era da parecchio tempo che non leggevo un romanzo con protagonisti i vampiri. Dopo che l'interesse per la serie della Confraternita è andato scemando, libro dopo libro, mi tenevo lontana dal genere. Anche questo mio personale blocco mi impediva di leggere i romanzi di Emma. Non volevo trovare le stesse situazioni e gli stessi personaggi. Invece, già dalle prime pagine, mi sono trovata a vivere accanto ad Alice e seguirne con piacere l'evoluzione.
Mi è piaciuta moltissimo la protagonista che con il suo carattere forte e deciso affronta ogni nuova difficoltà senza paura. E la poverina ne deve passare di esperienze difficili e dolorose!
Anche Tom il personaggio maschile del romanzo può sembrare alla prima impressione il solito vampiro macho e tenebroso. Però nasconde un carattere davvero interessante. Ciò non toglie che ogni tanto avrebbe avuto bisogno di essere scrollato. Pure una bella botta in testa non gli avrebbe fatto male.
La relazione tra i due, composta da alti e bassi, è coinvolgente e piena di fuochi d'artificio. Insieme sono perfetti anche se entrambi devono smussare qualche spigolo per potersi incastrare a dovere.
Il cast dei soggetti secondari è molto vario e presenta altri vampiri con doti particolare. Quello che mi ha incuriosito più di tutti è Doc. Voglio leggere al più presto la sua storia e quella degli altri.
La trama è ricca di azione, colpi di scena e faticavo a staccarmi dal Kindle. Fortunatamente ero in vacanza e potevo dedicargli molto tempo.
Ringrazio Emma per la copia (anzi le copie) digitali e soprattutto per avermi fatto rientrare in un mondo che avevo trascurato da tempo.

La serie è composta:
1 Rimozione forzata
2 Sotto la pelle
2,5 When in Rome
3 La voce del sangue
4 Ray

5 La voce del sangue


Ecco il banner con gli altri blog che hanno aderito questo mese. Andate a curiosare anche da loro.






lunedì 16 settembre 2019

Recensione #400 M.T.V.M. by Michela Monti


Altra rubrica, in collaborazione con La lettrice sulle nuvole, che riprende la sua programmazione periodica. Argomento protagonista di Settembre è Libro comprato/regalato in vacanza. Ho scelto di parlarvi del secondo capitolo di una duologia distopica che aspettavo di leggere da un po' e che, appunto, mi sono regalata ad Agosto.



Autrice: Michela Monti
Titolo: M.T.V.M.
Serie: 83500 #2
Editore: Triskel Edizioni
Pag:: 289
Data di pubblicazione: 1 febbraio 2019
Trama
Melice Redding ha capito. Dopo dieci anni trascorsi in carcere per difendere Richard Bell, ha capito che non vale la pena di morire per lui, e ha scelto di combattere.
I passi da compiere sono chiari: trovare Richard, preparare la propria difesa al meglio, e aspettare fino alla data del processo.
Il destino della detenuta sembra roseo, eppure l'attesa si rivela più complicata del previsto. Ci sono troppi spettri del passato a intralciare il riscatto di Mel, troppa rabbia da frenare e neppure un Guardiano d’Anime a proteggerla da quella follia. Perché i desideri sono più forti delle buone intenzioni, e nessuno scorpione muta la propria natura.




Nonostante il capitolo finale non avesse avuto un cliffhanger strepitoso molte cose dovevano essere ancora risolte. M.T.V.M. Inizia con Melica sempre rinchiusa nel braccio della morte nella prigione di Rebourning. La sua innocenza è ancora tutta da dimostrare.

A differenza di 83500 qui ho trovato una storia più articolata e una trama più complessa, zeppa di colpi di scena. Inoltre chiude tutte le porte e scioglie tutti gli enigmi, cosa che apprezzo sempre.
La storia si divide in due parti. Una prima in cui Melice è protagonista di molte ingiustizie e soprattutto di tante violenze fisiche. Le parole che usa Michela sono davvero evocative tanto che tutte le scene di torture e pestaggi erano ben visibili nella mia mente. Non ho potuto fare a meno di immedesimarmi con Melice e percepire sulla mia pelle le sevizie a cui era sottoposta. Lo sviluppo psicologico della donna è fantastico. Pure qui nessuna difficoltà a provare le sue stesse angosce, il dolore per la separazione dall'adorata figlia Sadie, la rabbia per le ingiustizie di cui è vittima.
La seconda parte si basa più sul processo che punta a scagionarla in maniera definitiva. Tutta la procedura è spiegata benissimo ed espone perfettamente il funzionamento (bacato) del sistema giudiziario.
Oltre Malice ho apprezzato molto anche le varie detenute che in questo romanzo hanno uno spazio maggiore per farsi conoscere, amare o odiare...
Lo stile di Michela composto da frasi minimal e capitoli brevi mi hanno coinvolta fino a farmi passare la voglia di uscire dalla stanza dell'hotel.
Piccola nota: mentre leggevo le ultime pagine Michela mi ha scritto pregandomi di non ucciderla. Non l'ho fatto, ma al penultimo capitolo la tentazione era fortissima!
Spero vivamente che scriva altro perché ho bisogno di avere altre sue storie.



Vi lascio il calendario per seguire tutti i blog partecipanti.






sabato 14 settembre 2019

Recensioni (mini) #398 e #399 Pacat – Harrison


Buongiorno lettori,
stamattina due recensioni unificate per due serie che seguo con piacere. Essendo appunto racconti e novelle brevi che si inseriscono nella story-line principale non posso svelare molto così ho deciso di unire.



Il palazzo d'estate e altre storie (Captive Prince Short Stories #1-4) by C.S. Pacat
In questa raccolta di racconti, C.S. Pacat ci riporta nel mondo di Captive Prince ripresentandoci alcuni dei personaggi secondari già introdotti nei tre volumi principali della serie.
Fugace è l’innocenza segue la nascita della storia tra Jord e Aimeric e presenta entrambi i personaggi sotto una luce inedita velata di malinconia.
Da molti considerato il vero epilogo alla serie, Il palazzo d’estate riprende una conversazione tra Laurent e Damen e li segue durante una breve vacanza a Lentos, dove avranno l’occasione di mettere finalmente a nudo i propri sentimenti… e non solo quelli.
Le avventure di Charls, il mercante di stoffe veriano è il più divertente dei quattro racconti e ci propone una nuova avventura dei due Charls, il Vecchio e il Giovane, durante un viaggio attraverso la provincia di Aegina.
Infine, Il prediletto narra la storia di Ancel e della sua ascesa a corte, presentandocelo sotto una luce del tutto inaspettata.

Ho amato tantissimo la trilogia Captive Prince e sono stata contentissima di poter passare, di nuovo, un po' di tempo con Laurent e Damien, i due magnifici protagonisti. Grazie alla Triskell che li ha tradotti e della copia digitale fornita.
I racconti non sono propriamente incentrati sui miei due eroi ma ampliano la mia conoscenza di soggetti collaterali conosciuti nei vari libri. È stato molto interessante leggere di Jord e Americ anche se non sono tra i mie preferiti; viaggiare con Charl il mercante e sorridere nel finale...; conoscere meglio Ancel uno dei prediletti.
In genere non amo le raccolte di racconti, però se integrano serie o romanzi più completi le apprezzo tantissimo proprio per il fatto che mi riportano in un mondo già amato.


La maledizione (Elder Races #5.5) by Thea Harrison
L'avventura di una vita potrebbe finire nel caos, ma se si tratta di incontrare il tuo futuro compagno, a chi interessa?
Una novella delle Razze Antiche
Per Olivia, una bibliotecaria specializzata in libri di magia rari, il nuovo lavoro è un sogno che diventa realtà. È stata ingaggiata per far parte della squadra incaricata del trasporto della collezione di libri della strega Carling Severan. Il fatto che la biblioteca si trovi su un'isola misteriosa in un'Altra Terra accresce l'avventura.
Il capo della sicurezza della spedizione, Sebastian Hale, è stanco della sua vita avventurosa e si ritrova attratto dalla tranquilla e bella bibliotecaria. Ma vive un incubo personale. È stato colpito da una maledizione che gli sta lentamente togliendo la vista, e non sa se sopravviverà alle conseguenze.
Ma i forti sentimenti che crescono tra di loro, insieme al turbamento interiore di Sebastian, prendono il sopravvento quando apprendono che c'è un traditore in agguato nella loro squadra di spedizione. Con la politica delle Razze Antiche e una libreria inestimabile in pericolo, dovranno fare affidamento l'uno sull'altra per sopravvivere all’avventura.
Avvertenza: quando una bibliotecaria a cui piace nidificare incontra un gufo wyr che ha sempre vissuto per l'avventura, la loro storia d'amore non sarà effimera...





Questa novella (la 5,5) mi ha permesso di conoscere meglio due personaggi che ho intravisto nel mondo della “Antiche Razze”: Olivia e Sebastian. Una short story che ho apprezzato moltissimo. Ho amato i protagonisti e la relazione che si instaura tra loro. Due dei migliori conosciuti finora. Un po' scarse le informazioni sull'isola in cui vanno per recuperare i preziosi e pericolosi libri di Carling e sulle creature che la abitano.
Uno dei soggetti che mi ha incuriosito qui è sicuramente Phaedra, la figlia del jinn Khalil.



venerdì 13 settembre 2019

Recensione #397 Harley e Rose by Carmen Jenner



Autrice: Carmen Jenner
Titolo:  Harley e Rose
Editore: Hope Edizioni
Pag:: 274
Data di pubblicazione: 22 luglio 2019
Trama
Fin da quando era una ragazzina, Rose sognava il giorno in cui Harley l’avrebbe portata in braccio oltre la soglia, in luna di miele. Ma cosa succederebbe se quello non fosse il giorno del suo matrimonio, e lei si trovasse lì solo perché Harley è stato lasciato all’altare appena qualche ora prima?
Barattata San Francisco per una vacanza in paradiso, dopo aver scambiato il bouquet da damigella per le Hawaii, Rose spera di poter uscire finalmente dalla friendzone.
Perché una volta Rose e Harley erano stati molto più che amici, ma la vita aveva preso un’altra piega. Da allora, Rose ha trascorso ogni giorno nella speranza che Harley se lo ricordasse.
Lei è sempre stata la sua migliore amica.
Lui è sempre stato suo.
Lei è innamorata di lui.
Lui… non è innamorato di lei.
Lui… sta sposando qualcun’altra.
Lui… sta nascondendo qualcosa.
Lui…be’… è complicato.




Io leggo sempre almeno due libri in contemporanea cercando di scegliere storie diverse. Questa volta, pur essendo in effetti due romanzi completamente differenti, hanno avuto molti punti in comune. Purtroppo credo Harley e Rose siano stati penalizzati da ciò.

Il romanzo in sé non mi è dispiaciuto e volevo davvero amarlo, ma qualcosa non è scattato.
Harley e Rose, i due protagonisti che si conoscono e amano (almeno così dicono) fin da bambini non hanno saputo conquistarmi con la loro storia. Sono come rimasta dietro un vetro a guardare le loro vite scorrere davanti ai miei occhi. Non sono riuscita mai a entrare in contatto con loro. Mi aspettavo, almeno nel finale, di poterli apprezzare ma nulla.
Mi sono piaciuti i capitoli che parlavano della crescita dei due protagonisti, però, al tempo stesso, mi hanno mostrato un Harley egoista. Nei confronti di Rose prima di tutto, ma anche in quelli di Alicia (poi si chiede perché l'abbia lasciato). Rose così tanto amata che dopo due mesi di separazione (ai tempi del college) è già bello e accoppiato con un'altra ragazza.
Rose dal canto suo mi ha dato tanto l'impressione di essere succube di quest'uomo e di questo sentimento. Nonostante tutte le batoste (sentimentali) prese da Harley continua ad amarlo. Non riesco proprio a capirla avendo un carattere completamente diverso da lei. La relazione che Rose avvia con Dermot mi sembrava più vera del rapporto con l'amico-amore di sempre.
Quello che salva il libro è lo stile della Jenner che pur parlando di due protagonisti che non ho amato mi ha fatto leggere velocemente il romanzo. Mi è piaciuto, inoltre, il messaggio racchiuso in questa storia: mai sprecare il tempo che ci viene concesso e vivere fino in fondo i propri sentimenti.
Avendo amato l'altro libro di questa autrice (Verso il frastuono del caos) ho intenzione di leggere altro di suo per farmi un'idea più completa su di lei.



mercoledì 11 settembre 2019

Recensione #396 Heart Strings by Domino Finn



Purché sia di serie #10


Dopo la pausa di Agosto torna la rubrica ideata sempre da La lettrice sulle nuvole che mi permette di proseguire con le varie serie in corso. Stamattina vi parlo del terzo capitolo della serie Black Magic Outlaw di Domino Finn.


Autore: Domino Finn
Titolo: Heart Strings
Serie: Black Magic Outlaw #3
Editore: Dunwich Edizioni
Data di Pubblicazione:
Pagine:

Trama
La magia nera ha una pessima reputazione. Fidatevi di me. Quando le persone mi vedono, non vedono Cisco Suarez, vedono un farabutto. Un incantatore di ombre. Un fuorilegge della magia nera.
Magari hanno ragione. Magari tutto quello che tocco appassisce e muore. Ma questo non dà il diritto a un team SWAT di entrare nel mio rifugio con le armi spianate.
Da non crederci. Qualche danno collaterale al municipio e di colpo ti ritrovi a essere il nemico pubblico numero uno.
Ma ora anch’io mi sono dato un po’ alla politica. Ho persino il mio poster da ricercato. Quiz a sorpresa: chi è più pericoloso? Un mago cospiratore, un elementale vulcanico o un politico corrotto di Miami?
La risposta potrebbe sorprendervi perché neanch’io me la aspettavo.



Pur essendo arrivati al terzo capitolo, la serie che ha per protagonista Cisco Suarez, non accenna a rallentare il ritmo.
Il negromante, infatti, si trova invischiato in mille avventure adrenaliniche. Le mille avventure che affronta lo portano, inoltre, a incontrare nuove creature fantastiche. Molte di queste danno del filo da torcere a Cisco. Nel frattempo vengono svelati nuovi incantesimi e nuovi intrighi.
Cisco è, come sempre, il solito tipo ironico e strafottente che ho imparato ad apprezzare nei capitoli precedenti. Mi piace ogni volta di più questo soggetto così affascinante che, agendo fuori dagli schemi, ha il solo intento di correggere i torti commessi da altre persone.
Il word building in cui si muove il protagonista è ben descritto e le creature che lo popolano sono davvero molto interessanti. Molte prese dall'immaginario comune e molte altre dalla mitologia. Silvani subdoli, sirene crudeli, fae, minotauri ecc... si incastrano perfettamente con la trama principale e non mancano di rendere interessante la vita (o non-vita) di Cisco.
Una pecca che purtroppo ho riscontrato durante la lettura è la lungaggine delle descrizioni di alcuni combattimenti che vengono eviscerati, dall'autore, nei minimi particolari. Troppi che hanno rallentato un po' il ritmo, ma non fino a diventare noioso. Naturalmente aspetto con ansia il prossimo capitolo della serie. Che nuove emozioni mi regalerà Cisco Suarez???

La serie è composta:

3 Heart strings
4 Power trade
5 Fire Water
5,5 Fire Kissed
6 Death March
Full metal magic






martedì 10 settembre 2019

Recensione #395 È un giorno bellissimo by Amabile Giusti



Autrice: Amabile GIusti

Titolo:  È un giorno bellissimo
Editore: Amazon Publishing
Pag:: 376
Data di pubblicazione: 9 maggio 2017
Trama
Grace Gilmore, bionda diciottenne di buona famiglia, vive in un mosaico di cristallo in cui ogni tessera ha il suo posto preciso: i suoi genitori sono belli, ricchi e affettuosi, le porte dell’università di Yale si apriranno subito dopo l’estate, e un principe azzurro di nome Cedric è il fidanzato pronto a sposarla. Eppure bastano una sola notte e tre colpi bassi del destino a farle mettere in discussione tutto quel mondo.
Con i cocci delle sue illusioni in uno zainetto e i frantumi della sua vecchia vita nel cuore, Grace si ribella al suo futuro perfetto, scelto da chiunque tranne che da lei. Si lancia così in un inatteso e spontaneo road trip in giro per gli States, decisa per una volta a seguire il suo istinto e i suoi sogni.
A New York conosce il bellissimo Channing: metà latino e metà asiatico, capelli di seta e fisico mozzafiato, irriverente ma gentile. È lui il fulmine dagli occhi blu che squarcia il cielo grigio nel cuore di Grace. Dalla Pennsylvania all’Ohio, dal Kentucky all’Illinois, fino al tour sulla mitica Route 66, il destino sembra deciso a far intrecciare le strade dei due giovani. E mentre Grace imparerà a conoscere sentimenti nuovi ed emozioni autentiche – così lontane dalla sua vecchia vita –, Channing dovrà fare i conti con un tragico segreto che potrebbe spezzare il sogno di un giorno bellissimo.





Le vacanze sono terminate già da un po' ma le meravigliose emozioni che mi ha regalato questo romanzo sono ancora con me.

Grace è una diciottenne dolce e ingenua che nel giorno più importante della sua giovane vita vede tutte le sue certezze crollare. Decide così di scappare per allontanarsi da tutti e conoscere meglio se stessa. L'incontro con Channing, un bellissimo ragazzo molto misterioso, la porterà a intraprendere avventure che mai avrebbe pensato.
Di solito non amo le eroine così perfette, belle e buone, ma Grace è riuscita a toccare i fili giusti, con me, e farsi amare. È stato bello vedere come, durante il suo viaggio attraverso gli USA, affronti senza paure le varie situazioni che le si pongono davanti. È forte nonostante sia vissuta sotto una campana di vetro e non si fa abbattere mai! Mi è piaciuto anche che l'artefice della sua crescita non sia solo Channing, il protagonista maschile della storia. Ci sono alcuni bizzarri personaggi, conosciuti durante il tragitto, che aiutano e supportano la ragazza. Gladys, Fred, Kate hanno saputo emergere quanto i protagonisti. Aspetto la storia di Kate visto che Amabile ne ha fatto accenno alla fine del libro.
Nonostante apperentemente sembri il solito young adult, con una lei bella e buona e un lui cupo e tenebroso, ho trovato la trama originale e ben gestita.
Una piccola pecca potrebbe essere Channing o meglio la sua malattia. Mi sembra un po' irreale che nelle sue condizioni (si scoprono quasi subito) possa condurre una vita del genere. Tuttavia ciò non toglie nulla al mio giudizio più che positivo sul romanzo.
Il libro è arrivato al momento giusto visto che avevo appena iniziato le ferie dopo settimane di lavoro stressante. Avevo proprio bisogno di una storia dolce, leggera e romantica che mi distendesse un po'. Vista l'età dei personaggi forse è più adatta a lettori giovani, ma io l'ho davvero amata.
Altro romanzo a cinque stelle di questa autrice che non mi delude mai.




lunedì 9 settembre 2019

Recensione #394 Danzando sull'orlo dell'abisso di Grégoire Delacourt



Personalmente non amo gli scrittori francesi o le protagoniste/i che tradiscono, però amo mettermi alla prova affrontando letture fuori dalla mia confort-zone. Quando Susy (sempre accompagnata da Ely) mi ha proposto di leggere questo libro ho subito accettato. Sempre grazie al dinamico duo per coinvolgermi in questi interessanti Review tour.


Autore: Grégoire Delacourt
Titolo: Danzando sull'orlo dell'abisso
Editore: DeAPlaneta
Pag:: 253
Data di pubblicazione: 3 settembre 2019
Trama
Emma, quarant'anni, felicemente sposata, tre figli, incontra lo sguardo di uno sconosciuto nella brasserie della cittadina in cui vive. E in un istante, capisce. Capisce che per quell'uomo è disposta a rischiare ogni cosa. Il matrimonio. La sicurezza. La serenità di coloro che ama più di se stessa. Quando lui dimostra di ricambiarla, Emma chiude gli occhi, spalanca il cuore e fa il grande salto. "Danzando sull'orlo dell'abisso" è il racconto di quel salto. Di cosa accade quando l'amore, la consuetudine, le fondamenta stesse di un'esistenza, vacillano sull'orlo di un abisso che tutto promette e tutto minaccia di inghiottire. Con precisione chirurgica e straordinaria sensibilità poetica, Grégoire Delacourt mette in scena la vertigine del desiderio, le conseguenze della libertà e l'intensità del momento in cui capisci che "il presente è l'unica eternità possibile."




Amavo la mia vita.
Mi consideravo una donna fortunata.
Emma incontra casualmente gli occhi di uno sconosciuto in un bar e tra i due scatta subito qualcosa che li attrae una verso l'altro. Attrazione talmente forte da far compiere loro un gesto importante.
Ci sono uomini che ti trovano bella,
e altri che ti rendono bella.
La cosa che mi ha meravigliato di più leggendo questo romanzo è come l'autore sia stato capace di attirarmi verso una storia che, come ho anticipato, non rientra nelle mie solite letture. Mi poneva di fronte a uno dei miei pregiudizi più profondi verso le donne (o uomini) fedifraghe. Non riuscivo a staccarmi dal kindle! Il merito è sicuramente della prosa di Delacourt che ho trovato poetica, elegante e delicata che ha saputo farmi entrare in empatia con Emma. 

Vorrei soltanto provare a smontare il meccanismo del disastro. Capire perché, in seguito, ho trafitto per sempre il cuore delle persone che amavo.
Non arrivo a dire di giustificare i suoi comportamenti, ma tante sue sensazioni non mi hanno lasciata indifferente. Quello che proprio non le perdono è il suo abbandonare i figli per seguire un desiderio forte, sì, ma che non dovrebbe mai essere superiore all'amore per i figli.
Ai miei occhi, inoltre, a scatenare il tutto, è stato un capriccio egoistico di una donna insoddisfatta dalla sua vita sentimentale e lavorativa.
Altra cosa che mi ha sorpresa è come l'autore sia riuscito a interpretare benissimo tutte le angosce, i dubbi e i desideri di una donna. Ha reso Emma, al di là dei miei giudizi personali, un personaggio tridimensionale e realistico.
Per quello che riguarda la storia ho amato tantissimo la prima parte, meno la seconda che ho trovato troppo confusa, per ritornare ad apprezzare la terza parte.
Il libro è ben scritto, a tratti toccante, racchiude più del semplice tradimento. La costruzione della trama, composta da capitoli brevi (li adoro) e frasi essenziali, mi ha fatto leggere il romanzo in un baleno e mi ha regalato svariate emozioni. Sono proprio contenta di aver tenuto la mente aperta così da poter godere di una lettura così diversa dalle solite.

Ecco il calendario con le altre tappe.